Etna, Ingv: “Non siamo tranquilli, forte sismicità”

Condividi

Il direttore dell’Ingv di Catania, Eugenio Privitera, sul terremoto di magnitudo 4.8 della notte scorsa sull’Etna, non nasconde la sua preoccupazione.

“Non si può escludere un’apertura di bocche a quote minori da dove si sono aperte adesso, in particolare modo nella zona di Piano del Vescovo a sud della Valle del Bove. Se ci riuscirà, non lo sappiamo. Stiamo potenziando i sistemi di rilevamento sismici e Gps della deformazione del suolo in quella zona. La forte sismicità – ha aggiunto – non ci lascia tranquilli. Vediamo come evolverà. Il terremoto è un evento singolo. La situazione ricorda quella dell’ottobre del 1984 che provocò un morto a Zafferana Etnea: è sempre la faglia di Fiandaca, che quando si muove è pericolosa”

Leggi anche:  I tipi di carte carburante disponibili sul mercato
https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2018/12/etna-2-1024x435.jpeg

0 thoughts on “Etna, Ingv: “Non siamo tranquilli, forte sismicità””

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *