Fiera Milano, il giudice: “Giuseppe Nastasi legato alla mafia e a Messina Denaro”

Condividi

Giuseppe Nastasi, il titolare di “Dominus” – il consorzio che ha lavorato “esclusivamente” con Nolostand, la società controllata di Fiera Milano – “ha volontariamente agito con la finalità di agevolare la mafia”.

A metterlo nero su bianco è stata Alessandra Del Corvo, il giudice che lo condannato a otto anni e dieci mesi di carcere con rito abbreviato per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati tributari, appropriazione indebita e riciclaggio, con l’aggravante di avere agevolato organizzazioni mafiose.

A giovare più di tutti dei comportamenti di Nastasi, scrivere sempre il Gup, è stata “l’associazione mafiosa” di Cosa Nostra. Il suo obiettivo era “creare e preservare riserve occulte di denaro per foraggiare l’associazione mafiosa”.

Nastasi venne arrestato l’11 luglio scorso insieme ad altre dieci persone, tutte accusate dagli inquirenti della Dda di Milano di associazione a delinquere. A Nastasi, personaggio ritenuto “intraneo all’entourage di Matteo Messina Denaro” e suo padre Calogero venne anche contestata l’aggravante mafiosa.

In uno dei passaggi fondamentali delle motivazioni si legge, infatti, che Nastasi – che ha fatturato in tre anni “oltre 20 milioni di euro” – “ha volontariamente agito con la finalità di agevolare la mafia”, prendendo pure in considerazione “la possibilità di porre tale attività a disposizione ed al servizio di un soggetto del calibro mafioso di Matteo Messina Denaro”.

Si tratta – scrive ancora il gup – di una persona “di elevata pericolosità sociale in quanto ideatore e promotore di un sodalizio criminoso strutturato per operare in modo duraturo, programmato e continuato attraverso condotte di evasione fiscale e di riciclaggio e con una palesata capacità di infiltrazione nella realtà imprenditoriale lombarda”.

Il giudice, con la sentenza, ha anche riconosciuto a Fiera Milano, Nolostand e al comune di Milano risarcimenti come parti civili da quantificare in relazione al reato principale di associazione per delinquere aggravata dalla finalità mafiosa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.