Il Cultural Heritage Rescue Prize alla al-Qadiriyya Library di Baghdad

Il Cultural Heritage Rescue Prize alla al-Qadiriyya Library di Baghdad per il lavoro svolto a tutela del patrimonio e per rafforzare il dialogo e la tolleranza culturale e religiosa. Sì è svolto questo pomeriggio a Villa Niscemi, a Palermo, per la prima volta in Sicilia, la terza edizione del Cultural Heritage Rescue Prize, premio internazionale per la salvezza del Patrimonio culturale e delle arti. 

L’iniziativa, inserita tra gli eventi di Palermo Capitale italiana della Cultura, premia ogni anno chi con coraggio difende e salva il patrimonio culturale in pericolo.

Presenti, tra gli altri, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’assessore  regionale ai Beni culturali Sebastiano Tusa e il presidente dell’associazione “Incontro di Civiltà” e “Priorità Cultura”, Francesco Rutelli, promotore del premio.

“Credo che questa iniziativa, in questo preciso momento – ha detto Musumeci – abbia un significato particolare e un elevato spessore morale. Nella storia, la cultura ha avuto spesso un ruolo primario, ed è stata in grado di superare barriere che sembravano insormontabili. Questo premio rappresenta infatti un sentito riconoscimento a chi spesso, nel silenzio, affronta con coraggio sfide a tutela del patrimonio. La Sicilia è, storicamente e per vocazione, terra di tolleranza e luogo di incontro di culture, civiltà e religioni differenti, centro del Mediterraneo. Per questo credo che la nostra Isola possa essere la naturale sede di iniziative come queste”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.