Imprese, Assci: “Esentare dalle tasse comunali chi denuncia il pizzo”

Condividi

“Esentare dalle tasse comunali le imprese e i professionisti vittime di richieste estorsive e di usura, così come prevede la legge regionale 3/2012”. È la proposta che l’Assci, Associazione per lo sviluppo e la salvaguardia del credito alle imprese, ha avanzato al Comune di Palermo in una lettera indirizzata al sindaco e al presidente del Consiglio comunale.

“La legge regionale – afferma Giuseppe Spera, presidente dell’Assci – prevede l’esenzione da Imu, Tari, Tosap e imposta comunale sulla pubblicità alle aziende danneggiate dal racket e dell’usura. Molti comuni siciliani hanno già adottato ed elargito i benefici specificati dalla norma. Per questo riteniamo che anche il Comune di Palermo possa adottare provvedimenti analoghi proseguendo lungo la strada del sostegno della cultura della legalità”.

Leggi anche:  Zone franche montane, la legge resta al palo e "Armao è desaparecido"
https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2018/06/racket.png

0 thoughts on “Imprese, Assci: “Esentare dalle tasse comunali chi denuncia il pizzo””

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *