Press "Enter" to skip to content

Orecchio di Dioniso: tutto ciò che c’è da sapere sul celebre monumento di Siracusa

Uno dei punti di forza dell’Italia, per quanto molto spesso si tenda a sottolineare il numero dei suoi difetti e delle sue componenti negative, è rappresentato sicuramente dal turismo, dalla cultura del paese e dalle tante forme di divertimento che sono presenti all’interno dello stesso; qualsiasi persona, se vuole spendere qualche giorno in compagnia, evadendo dalla sua quotidianità o dalla monotonia del proprio lavoro, può trovare in Italia tutte le destinazioni possibili per qualsiasi forma di svago, sia dal punto di vista geografico che non solo. Ad esempio, se vuoi divertirti e trascorrere del tempo giocando online in modo sicuro, guarda quali sono i migliori casino online italiani certificati dai Monopoli di Stato. Nel caso in cui tu voglia viaggiare, invece, alla scoperta di alcune delle bellezze naturali italiane più importanti che sono presenti nel panorama turistico nazionale, una destinazione potrebbe essere rappresentata dal celebre orecchio di Dioniso. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito di questo monumento, relativamente alla sua storia, a dove si trova e tanto altro ancora. 

Orecchio di Dioniso: che cos’è e dove si trova?

Al fine di prendere in considerazione tutto ciò che c’è da sapere relativamente all’orecchio di Dioniso, uno dei monumenti naturali più importanti che possano essere trovati in Sicilia, e in generale in Italia, vale la pena approfondire in maniera generica le informazioni relative al monumento in questione. Si tratta di una grotta artificiale che si trova a Siracusa, al di sotto del Teatro greco della città, costituendo una delle attrazioni più importanti all’interno della città. La grotta in questione è stata scavata all’interno del calcare e, con un’altezza di circa 23 metri e una profondità di 65, ha conquistato grande notorietà nel corso degli anni sia per la storia e le sue origini, sia per la bellezza del luogo in questione, che presenta un andamento a S che permette di amplificare i suoni dal punto di vista acustico, permettendo anche ai turisti e a tutti i presenti di divertirsi con curiosi giochi sonori o eco particolari. 

L’Orecchio di Dioniso è diventato un sito turistico nel corso della sua storia, per quanto – originariamente – non fosse stato pensato in questi termini: in virtù della presenza di un antico acquedotto sulla grotta, si creò una traccia naturale di terreno più malleabile, sulla base della quale i costruttori iniziarono a scavare creando la grotta così come la si conosce oggi; per questo motivo, non è ancora possibile conoscere il motivo di una costruzione di questo genere, dal momento che, al di là dell’indirizzo turistico, la grotta non ha e non ha mai avuto una reale utilità dal punto di vista prettamente urbanistico o commerciale. 

La leggenda sulla nascita dell’Orecchio di Dioniso

Così come ogni monumento o traccia umana presente all’interno di un determinato territorio, anche l’Orecchio di Dioniso è diventato celebre nel corso degli anni grazie al suo alone mistico e leggendario, che ha permesso di conquistare i turisti e di rendere questo sito un vero e proprio oggetto ricco di grande attrattività. Secondo la leggenda, infatti, questa grotta fu creata per volere del tiranno Dioniso, che faceva imprigionare i suoi oppositori politici o chi si macchiava di un crimine all’interno di questa grotta, al fine di ascoltare meglio i loro discorsi: secondo degli studi, infatti, la grotta ha delle importantissime capacità di amplificazione acustica, che portano qualsiasi suono ad essere percepito fino a 16 volte in più.

Relativamente al suo nome, invece, secondo la leggenda l’Orecchio di Dioniso sarebbe chiamato così grazie a Caravaggio: il celebre pittore italiano, infatti, avrebbe recato questo nome piuttosto particolare al monumento in virtù della sua forma di orecchio d’asino, a dimostrazione anche del carattere sicuramente molto singolare di Michelangelo Merisi. 

Be First to Comment

Leave a Reply

%d bloggers like this: