Sicilia, formazione: da martedì presidio permanente a Palermo

“Nulla di nuovo sotto il sole, quello che è avvenuto ieri all’incontro con la Regione sulla vertenza della Formazione Professionale, i soliti annunci senza atti concreti e accordi certi, senza l’avvio al lavoro degli operatori né il pagamento degli stipendi, lo avevamo previsto. A questo punto è giunto il momento di unire le forze e presidiare ad oltranza a partire da martedì prossimo la sede della Presidenza della Regione, piazza Indipendenza”. Ad affermarlo è Giovanni Migliore Responsabile Formazione Cisl Scuola che lancia cosi il presidio ad oltranza di tutti i lavoratori delle tre filiere della Formazione a partire da martedì prossimo 7 ottobre dalle ore 10 a piazza Indipendenza a Palermo. “Invitiamo tutti a partecipare, sigle e movimenti dei lavoratori. La stanchezza e l’emergenza sociale vissuta da tutti gli operatori è oltre ogni limite sopportabile. A questo punto il governo deve immediatamente mettere in campo i provvedimenti sulla ripresa delle attività e dei servizi con la relativa ricollocazione dei lavoratori, sullo sblocco reale dei pagamenti delle spettanze arretrate e correnti, sulle risorse e gli strumenti di garanzia del reddito e del lavoro per i lavoratori in attesa ricollocazione”.
Sull’argomento interviene anche la Uil. “E’ positivo riscontrare che oggi il Dipartimento dell’Istruzione e della Formazione della Regione siciliana abbia a disposizione 130 milioni e che la direttiva necessaria per avviare le procedure che porteranno al finanziamento delle attività 2014-2015 sarà emanata mercoledì della prossima settimana. Anche se in ritardo abbiamo, quindi, una data certa. Tuttavia nutriamo forti perplessità in merito alle modalità e ai tempi di erogazioni di questi fondi” dice il segretario regionale, Giuseppe Raimondi, che ieri ha preso parte al confronto tra Governo regionale, enti e Cgil, Ugl e Snals. La convocazione aveva come oggetto le procedure necessarie all’avvio del pagamento della terza annualità ai lavoratori della Formazione e alla fine dell’incontro non è stato siglato alcun accordo. “Abbiamo ribadito al Governo Crocetta – precisa Raimondi – un impegno straordinario per dare risposte immediate alle emergenze che attanaglio il settore: dall’avvio del Progetto Prometeo, con la garanzia per tutti gli idonei (duemila circa), all’adozione del nuovo Piano triennale per IeFP (percorsi di istruzione e formazione professionale) sino al pagamento delle retribuzioni pregresse che in alcuni casi ammontano a circa 25 mensilità (quasi 5mila persone). Questo sindacato – conclude il segretario regionale -, da sempre aperto al confronto nell’interesse del lavoro e dei lavoratori, è pronto a mettere in campo ogni azione di protesta se non otterrà in tempi brevi risposte concrete, così come promesso dal Governo Crocetta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)