Ance Sicilia: perplessità e priorità del presidente Santo Cutrone

Di Chiaramonte Gulfi (Ragusa), classe 1955, Santo Cutrone è il nuovo presidente dell’Ance Sicilia. Dai primi anni ottanta ai vertici delle organizzazioni di categoria (Ance – Ente Scuola ecc..) Cutrone già da tre mesi reggeva l’Associazione Nazionale Costruttori Edili regionale, come facente funzioni,  per coprire un vuoto che si era venuto a creare nel direttivo. A novembre gli enti territoriali […]

Continue reading »

Ance Sicilia a Renzi: "Un commissario per sbloccare le opere ferroviarie"

L’Ance Sicilia sollecita al premier Matteo Renzi la nomina, da lui annunciata per la fine di questo mese, di un commissario che deve utilizzare entro fine anno 1,1 miliardi di euro della delibera Cipe 60 del 2012 per fognature e depuratori, pena la revoca delle risorse e una multa dell’Ue per procedura d’infrazione. L’Ance Sicilia sottolinea al Presidente del Consiglio […]

Continue reading »

Nairobi: lanciato progetto per Camera di commercio italo-keniana

Accordi bilaterali, frenetiche trattative commerciali avviate o in via di conclusione, collaborazione con il Governo del Kenya per la realizzazione di importanti infrastrutture: dopo un’intensa attività svolta in pochi mesi, l’Associazione per il commercio Italo-Keniana si candida ad essere riconosciuta ufficialmente Camera di commercio Italo-Keniana con gli obiettivi primari di diventare “sportello unico” per favorire, velocizzare e assistere gli investimenti […]

Continue reading »

Project Financing per il rilancio delle città siciliane

PALERMO – “Allentare il patto di stabilità: per non morire”. Uno dei gridi di allarme lanciati dall’-Ance Sicilia, durante la presentazione del convego “Piano delle città e project financing”, denuncia  i limiti imposti dall’attuale legislazione alle possibilità di ripresa del settore delle costruzioni edili. Ma non è solo il patto di stabilità a preoccupare i costruttori siciliani: ” Si cambi […]

Continue reading »

Lavori pubblici: l’Ance Sicilia contro i ritardi nei pagamenti

La pressante azione di protesta condotta dall’Ance Sicilia col sostegno dell’Ance nazionale ha prodotto i primi risultati: il ministero della Difesa ha pagato le imprese per le opere realizzate e lo stesso sta facendo l’Anas. La Regione siciliana, che in un primo momento aveva annunciato uno stanziamento di appena 26 milioni di euro su un debito per infrastrutture di 409 […]

Continue reading »