Tag: Canale di Sicilia

I narcos scelgono il Canale di Sicilia come nuova rotta del traffico mondiale di droga
Cronaca, Notizie, Storie & reportage

I narcos scelgono il Canale di Sicilia come nuova rotta del traffico mondiale di droga

Il Canale di Sicilia è la nuova rotta preferita dai trafficanti di droga. Lo scrive la giornalista Romina Marceca, in un articolo del 30 novembre pubblicato sul quotidiano La Repubblica.  La rotta che attraversa il Canale di Sicilia negli ultimi anni è stata la più utilizzata. Lo prova il fatto che gli inquirenti hanno sequestrato in questo tratto di mare in cinque anni oltre 180 tonnellate di hashish, per un valore di quasi 2 miliardi di euro, dodici imbarcazioni tra velieri, navi mercantili, pescherecci e yacht, e arrestato 105 persone.  Intanto Francia, Grecia, Italia e Spagna hanno istituito, nel 2016, un tavolo permanente, sotto la guida dell’Europol, per monitorare viaggi diventati sempre più frequenti. La cooperazione fra i quattro paesi ha portato al...
News Sicilia, Notizie

La discarica sottomarina nel Canale di Sicilia

Un''indagine dei giornalisti investigativi di "Italian Offshore" fa emergere che al centro del Canale di Sicilia la piattaforma Vega - tra il 1989 e il 2007 - ha illecitamente smaltito poco meno di mezzo milione di metri cubi di acque inquinate con metalli, idrocarburi ed altre sostanze. L'accusa è di "attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti". In breve, la piattaforma Vega trasferiva le acque contaminate derivanti dal processo di estrazione di petrolio, a una nave appoggio, la Vega Oil (una ex petroliera) che poi illegalmente iniettava queste acque, assieme alle acque di sentina e alle acque di lavaggio della nave stessa, in un pozzo petrolifero sterile, alla profondità di 2.800 metri circa. Praticamente, a una ventina di chilometri dalle coste siciliane, è stata creata un...
News Sicilia, Province siciliane

Via libera dal Tar alle trivellazioni nel Mediterraneo: sei pozzi nel mare davanti Gela

Via libera, si può trivellare nel mare davanti Gela. Lo ha deciso il Tar del Lazio rigettando il ricorso contro il progetto “Off shore Ibleo” dell’Eni. Si tratta del completamento di sei pozzi di estrazioni di gas nei campi Argo e Cassiopea e le perforazioni chiamate Centauro 1 e Gemini 1. I pozzi insistono nello spicchio di Canale di Sicilia tra Licata, Gela e Ragusa. I ricorsi contro le perforazioni erano stati presentati da cinque associazioni ambientaliste, dall’Anci, dai Comuni di Ragusa, Santa Croce Camerina, Palma di Montechiaro, Licata, Scicli e Vittoria, ma anche Legacoop Pesca Sicilia e Touring Club Italia. Il procedimento amministrativo era stato avviato contro la presidenza del Consiglio dei Ministri, i ministeri dell’Ambiente, Beni Culturali e Svilupo Economico, e contro il Co...
News Sicilia

Greenpeace alla scoperta dei tesori sommersi nel Canale di Sicilia

Una spedizione scientifica nel Canale di Sicilia che documenta la biodiversità dei banchi d'alto mare per proteggerli dalla minaccia delle perforazioni off-shore. È il progetto di Greenpeace - realizzato a bordo della nave Astrea grazie alla collaborazione degli esperti dell'Ispra - che negli scorsi giorni ha esplorato il Banco Avventura e il Banco di Graham (Isola Ferdinandea) alla scoperta di un universo sottomarino straordinario. I risultati preliminari della spedizione sono diffusi oggi nel rapporto "I tesori sommersi del Canale di Sicilia" .  (altro…)