Cosa nostra decideva l'esito della gare all'ippodromo di Palermo e le scuderie venivano usate per i summit