La testata, secondo l'associazione antimafia, avrebbe tracciato un quadro distorto, diffamatorio e calunnioso nei confronti di Libera e del suo presidente