Corruzione elettorale, indagato deputato regionale Sammartino

Condividi

C’è anche il deputato di Italia viva all’Assemblea regionale Siciliana, Luca Sammartino, tra i 38 indagati dell’inchiesta Report della Dda di Catania, su indagini della guardia di finanza. Il reato ipotizzato nei suoi confronti è di corruzione elettorale.

E’ quanto emerge dall’avviso conclusioni indagini notificato agli indagati dalle Fiamme gialle del comando provinciale di Catania, in collaborazione con lo Scico. Nel capo di imputazione si contesta a Sammartino “promesse di utilità” a Girolamo ‘Lucio’ Brancato, ritenuto esponente di spicco della frangia del clan Laudani capeggiata da Orazio Scuto, “in cambio del proprio voto e dei suoi familiari”. Secondo l’accusa le “utilità” erano “un posto di lavoro di un nipote di Brancato alla Mosema, società di Mascalucia a partecipazione pubblica per la gestione di rifiuti” e “lo spostamento di una cabina telefonica nei pressi della pizzeria di sua moglie a Massa Nunziata-Mascalucia”.

Il legale di Sammartino, l’avvocato Carmelo Peluso, ha commentato: “Ci difenderemo in maniera adeguata appena conosceremo i dettagli della contestazione”. Il deputato regionale dice: “Apprendo la notizia dagli organi di stampa. Sono consapevole di non aver commesso alcun reato. Quando avrò contezza degli atti, sarò in condizione di replicare e mi difenderò adeguatamente”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.