Ignoti nello studio di Enza Rando, numero due di Libera: "E' intimidazione"

Condividi

 “Nella notte tra il 25 e il 26 novembre, a poche ore dal convegno che si è svolto a Modena promosso da Libera dal titolo “Come cambiano le mafie idee e nuovi percorsi di contrasto” con la partecipazione di Enza Rando , di Luigi Ciotti e dei procuratori Federico Cafiero de Raho e Franca Imbergamo, ignoti si sono introdotti nello studio di Modena dell’avv Enza Rando, vicepresidente di Libera e che per l’associazione cura le costituzioni di parte civili in numerosi processi di mafia, mettendo a soqquadro la sua stanza senza che alla stessa sia stato sottratto nulla, pur essendo a portata di mano Pc, penne e altri oggetti di valore. Tra gli elementi preoccupanti l’apertura delle ante di armadi in cui sono custoditi i faldoni riguardanti le costituzioni di parte civile nei processi di mafia. Esprimiamo preoccupazione ed inquietudine per il grave episodio contro Enza Rando, abbiamo piena fiducia nell’ operato delle Forze dell’Ordine e della Magistratura, ma dopo questo atto ci poniamo delle domande , ci chiediamo chi c’è dietro tutto questo? L’atto di venerdi’ scorso segue il linciaggio mediatico, durato per mesi, nei confronti di Enza Rando, dai manipolatori della verità. Il susseguirsi di tali episodi rappresentano dei gravi segnali che ci preoccupano ma non ci fermano, consapevoli che, lungi dall’intimorirci,ci stimolano ad essere ancora di più cittadini responsabili, decisi a difendere il bene comune da chi lo vuole corrompere, rubare, distruggere“. Così, in un nota ,Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie commenta il grave episodio che nella notte tra il 25 e 26 novembre contro Avv. Enza Rando, vicepresidente nazionale dell’associazione.

Leggi anche:  Castelvetrano, terreno confiscato alla mafia adesso in stato di abbandono

Il riferimento al “linciaggio mediatico” è l’espressione fuorviante (così come “manipolatori della verità”) che rimanda ad alcuni articoli, usciti negli ultimi mesi, che hanno messo in fila i numerosi incarichi pubblici collezionati da Enza Rando, a volte anche in potenziale conflitto di interesse.