Sì Cdm, più entrate per Regione Sicilia. Crocetta: "Accordo storico"

Condividi

Il Consiglio dei ministri approva le norme di attuazione dello Statuto siciliano in materia di entrate. “L’accordo – dice il presidente della Regione Rosario Crocetta – ha un valore storico, poiché rivede un sistema vigente dal 1970, che ha determinato un mancato riconoscimento di entrate previste dalle norme statutarie, mai attuate dallo Stato. Abbiamo lavorato in questi anni perché fossero riconosciuti diritti sanciti dalla Costituzione e mai rispettati dai precedenti governi. Con Renzi viene finalmente applicata la Costituzione e si rende giustizia al popolo siciliano”.
“Con il decreto, che dovrà essere promulgato dal presidente della Repubblica, inizia una nuova fase per la Regione, laddove si riconosce una certezza del sistema delle entrate – aggiunge Crocetta – che potrà permettere di effettuare una programmazione pluriennale delle risorse, la realizzazione di bilanci basati su entrate certe, nella logica del pareggio di bilancio, che dovrà essere alla base della nuova finanziaria”.

“Si spende quello che si ha – aggiunge Crocetta – e si chiude con la logica delle entrate gonfiate per giustificare sprechi e privilegi. Una norma questa approvata, che responsabilizza quella autonomia democratica che deve essere alla base dei nostri comportamenti. L’autonomia si esalta quando si sceglie la logica della buona amministrazione e non quando si alimentano sprechi e clientele”.

Leggi anche:  "Meno tasse e bilancio sano", Baccei illustra la Finanziaria 2017

«Ringrazio tutti i miei assessori, in particolare quello all’Economia e il vicepresidente che hanno seguito con me tutta la vicenda in prima persona e tutti coloro che, con la loro azione virtuosa, ci hanno resi credibili di fronte allo Stato. Grazie a Renzi e – conclude Crocetta – a tutto il Consiglio dei Ministri”.

A partire dal 2017 resteranno in Sicilia circa 1,5 miliardi di euro di tasse in più. Soldi che, per il prossimo anno, dovrebbero venire da imposte Irpef e dall’Iva, mentre dal 2018 le risorse saranno assegnate tutte come maggiore imposte Irpef. L’approvazione di oggi segue all’accordo chiuso a giugno tra governo regionale e nazionale e al via libera di inizio ottobre da parte della commissione paritetica per l’attuazione dello Statuto Siciliano.

Voce fuori dal coro è rappresentata da Gaetano Armao, ex assessore della giunta Lombardo e attuale coordinatore del movimento Sicilia Nazione. «L’approvazione – denuncia – rappresenta l’ultimo atto dello smantellamento dell’Autonomia siciliana e determina un danno gravissimo alla nostra Regione e alle sue finanze. L’intesa elimina di fatto gli articoli 36 e 37 dello statuto e il diritto di mantenere in Sicilia tutte le tasse dei cittadini siciliani». Per Armao è «illegittimo che un semplice accordo possa trasformare una norma di rango costituzionale»