Press "Enter" to skip to content

Posts tagged as “olio”

Festival del giornalismo enogastronomico nel weekend a Galati Mamertino

GALATI MAMERTINO. Trenta giornalisti provenienti da tutta Italia, una decina di testate coinvolte, chef locali e internazionali. È tutto pronto per il primo Festival del giornalismo enogastronomico in programma a Galati Mamertino, in provincia di Messina, il 26 e il 27 luglio.

L’Ue ha deciso: mai più olio d’oliva senza etichetta al ristorante

Dal 2014 in tutti i Paesi dell’Unione europea è vietato l’uso nei locali pubblici di bottiglie senza indicazioni.

var obj_4w = obj_4w || []; obj_4w.push({'cid':'4w_238216_417612508', 'ic':"238216;110950;80350;0", 'format':'4W-IN'}); https://static.4wnetwork.com/js/sdk.min.js

Se si vorrà offrire un olio d’oliva lo si potrà fare solo portando in tavola la bottiglia originale che dovrà essere monouso. Ovvero, essere chiusa con un sistema che impedisca il riempimento con un olio diverso da quello originale. Un provvedimento pensato a protezione del consumatore dalle frodi. La norma è appoggiata da 15 Paesi, tra cui i principali produttori (Italia, Spagna, Grecia e Portogallo) ma è osteggiata da Germania e Olanda. Scatterà l’obbligo di utilizzare bottiglie di olio d’oliva con un tappo anti-manomissione per evitare che qualche ristoratore disonesto riutilizzi una bottiglia con una bella ‘etichetta’ di olio d’oliva di alta qualità versandovi invece del prodotto scadente.

Il provvedimento preso su iniziativa del commissario europeo all’Agricoltura, Dacian Ciolos ha tuttavia spaccato in due l’Europa.
a un lato ci sono i 15 stati membri che hanno sostenuto l’iniziativa: Italia in prima linea assieme a Spagna, Grecia e Portogallo, Francia, Irlanda, Cipro, Slovenia, Slovacchia, Polonia, Lettonia, Lutuania, Repubblica Ceca, Romania e Malta.
Contro la decisione si sono scagliati Germania, Danimarca, Olanda, Bulgaria, Estonia, Lussemburgo, Austria, Finlandia e Svezia. Si sono astenuti, Regno Unito, Belgio e Ungheria.
Il provvedimento rientra nel piano d’azione europeo dell’olio d’oliva con l’obiettivo di «garantire la qualità e l’autenticità del prodotto messo a disposizione del consumatore finale ma anche per proteggerne la salute, migliorare la sicurezza legata all’igiene del prodotto e permettere al consumatore di identificare la qualità e l’origine dell’olio d’oliva».
Il piano d’azione include altre misure: una nuova etichetta sull’origine del prodotto più visibile per l’acquirente, il rafforzamento dei controlli con la fissazione di un livello minimo di ispezioni per Stato membro, sanzioni e condizioni ottimali da rispettare per la conservazione in buone condizioni del prodotto.
Plauso della Coldiretti: «È una barriera contro le frodi e gli inganni che colpiscono il condimento più amato dagli italiani».

Olio, scade a fine gennaio il termine per partecipare al premio Morgantinon

C’e’ tempo fino alle 12 del 31 gennaio per partecipare alla Quarta edizione del concorso regionale “Morgantinon” degli Oli Extravergini d’Oliva Siciliani edizione 2013 e della Carta degli Oli. Concorso ideato nel 2009 dall’ESA Ente di Sviluppo Agricolo di Sicilia.
Ecco le modalità di svolgimento: entro le ore 12 del 31 gennaio 2013 i produttori dovranno spedire i campioni all’indirizzo: ESA ENTE SVILUPPO AGRICOLO sopat 47 Via Trieste, 10 94019 Valguarnera (Enna)

var obj_4w = obj_4w || []; obj_4w.push({'cid':'4w_238216_417612508', 'ic':"238216;110950;80350;0", 'format':'4W-IN'}); https://static.4wnetwork.com/js/sdk.min.js

Successivamente saranno analizzati i campioni da vari panel di assaggiatori presso la sede di Catania dell’Assessorato alle Risorse Agricole a cura del capo panel Dott. Giuseppe Pennino.
Il report dei tre anni del concorso “Morgantinon” presentato dal Dott D’Angelo Dario ha dato rilievo alla presenza costante delle aziende siciliane, la maggiore partecipazione di produttori arriva dalla provincia di Enna, segue Trapani, Palermo, Catania, Agrigento, ecc. Anche il numero di premi assegnati vedono al primo posto Enna, seguita da Catania, Trapani, Agrigento, Palermo, ecc. nell’assegnazione dei premi ci sono state alcune conferme importanti negli anni ma anche delle new entry. Anche il turn-over per quanto riguarda la partecipazione delle aziende è stato abbastanza sostenuto, infatti a fronte di un aumento costante nei tre anni dei campioni presentati vi è stata una defezione di circa il 30% di aziende ed un contestuale nuovo ingresso di circa la stessa percentuale.

La Carta degli oli, sarà lo strumento didattico che l’istituto Professionale Alberghiero Federico II adotterà per lo sviluppo di maggiori competenze degli alunni. Nella carta degli oli extravergini saranno inseriti gli oli classificatisi nei primi posti e l’Istituto Alberghiero li utilizzerà per le sue attivit. Tra gli obiettivi che l’ESA si propone in collaborazione con L’assessorato alle Risorse Agricole quello di far adottare a più istituti Alberghieri della Sicilia “La Carta degli Oli” dove saranno inserite le aziende vincitrici per ogni provincia.

Il Concorso Regionale “Morgantinon” degli oli extravergini d’oliva Siciliani, è realizzato in collaborazione con La Provincia Regionale di Enna, La Camera di Commercio di Enna, il Comune di Aidone e L’Assessorato Risorse agricole e Agroalimentari e L’Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana – Parco Archeologico Morgantina Aidone.
Si prega di dare conferma della presenza.

Scarica invito su www.morgantinon.it

Sede Istituto Professionale Statale “Federico II” –
servizi per L’Enogastronomia el’Ospitalità Alberghiera.
Via Nicosia, 02 – Enna 0935 500924

38.18559113.289492

L’olio, l’oro verde della Sicilia in mostra al Kempinski

Sono le province di Trapani e Siena, in Italia, quelle col maggior numero di oli di pregio, Dop e Igp. Una quantità, certificata, che in Sicilia sfiora le 1.500 tonnellate. Sul fronte della qualità, in prima linea sono i sei consorzi di tutela: Val di Mazara, Valle del Belice, Valli Trapanesi, Valdemone, Monte Etna e Monti Iblei. Eppure nell’Isola, a confezionare il prodotto all’interno dell’azienda che coltiva, è solo il 20% degli operatori. La quasi totalità (80%) si rivolge a coop o a terzi. Probabilmente perché oltre l’80% delle aziende olivicole siciliane ha la forma di piccole o piccolissime ditte individuali. Di questo, ma anche delle nuove frontiere dell’olio secondo la scienza dell’alimentazione; in cucina e nella variegata galassia delle enoteche e dei ristoranti, si parlerà in occasione della rassegna dedicata all’olio novello, intitolata “L’oro verde della Sicilia a cinque stelle. En primeur e di gran classe”. La kermesse si terrà da venerdì 12 a domenica 14 al Kempinski Hotel Giardino di Costanza, di Mazara del Vallo (Trapani). Sarà una tre giorni di dibattito, formazione e informazione, durante la quale sarà selezionato, da un panel di assaggiatori a cura della Camera di commercio di Trapani, il miglior olio novello della campagna 2012. Il premio “Olio en primeur 2012” sarà consegnato martedì 6 novembre nella Sala Gialla di Palazzo dei Normanni. Venerdì 12 la rassegna si aprirà, alle 15,30, con un simposio sul tema “Il primo olio non si scorda mai”. Vi prenderanno parte vertici nazionali delle federazioni di settore, accademici, rappresentanti di consorzi di tutela, distretti, camere di commercio, l’istituto alberghiero di Castelvetrano e quello tecnico commerciale Ferrara di Mazara. Ed esperti di degustazione. La rassegna proseguirà sabato tra banchi e isole d’assaggio; si accomoderà in un “salotto degli oli”. Si snoderà attraverso momenti di degustazione aperti al pubblico e un minicorso di analisi sensoriale e degli abbinamenti tra olio e altri prodotti tipici siciliani. Culminerà nello spettacolo “Cooking Sicily fish show: a ogni pesce il suo olio en primeur” che sarà condotto sabato alle 19, sempre al Kempinski, da Stefano Masciarelli. Inoltre, condurrà i partecipanti che arriveranno dalle altre regioni d’Italia lungo un suggestivo “tour dei frantoi”.

Agricoltura, la Cia propone Igp per l’olio siciliano

Dopo avere contribuito a raggiungere l’obiettivo della Doc Sicilia per il vino, la Cia siciliana lancia la proposta di una Igp Sicilia (indicazione Geografica Protetta) per l’olio extravergine d’oliva prodotto in Sicilia.