Tag: Procura di Palermo

Cronaca

Truffa fondi Ue: sequestrati 200 mila euro ad imprenditrice di Montelepre

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Palermo, al termine di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Palermo, hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo per 200.000 euro, emesso d’urgenza dal pubblico ministero nei confronti di un’imprenditrice di Montelepre, titolare di una ditta individuale esercente un’attività di ristorazione, accusata di truffa per il conseguimento di pubbliche erogazioni e falso in atto pubblico. Il decreto di sequestro è stato convalidato dal Giudice per indagini preliminari, che ha ritenuto sussistenti, a livello indiziario, gli elementi emersi nel corso delle indagini. Le indagini svolte dalle Fiamme Gialle hanno consentito di accertare una frode nell’ambito del Piano Operativo del Fondo Europeo di Sviluppo R...
Cronaca, Notizie dalla Sicilia

Mafia, giochi e scommesse online: sequestro da 6 milioni a Palermo

Un sequestro patrimoniale per un valore complessivo di circa 6 milioni di euro è stato eseguito a Palermo dalla Polizia di Stato nei confronti di Benedetto Bacchi, di 46 anni, e Francesco Nania, di 50 anni. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, su proposta del Questore. I due indagati erano stati arrestati un anno fa nell'ambito dell'operazione Game Over con altre 29 persone accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, concorrenza sleale aggravata dal metodo mafioso, riciclaggio e associazione per delinquere finalizzata alla produzione, detenzione e spaccio di stupefacenti. Le indagini hanno confermato l'esistenza di uno stretto collegamento tra Cosa Nostra e le sale da gioco e di raccol...
Nomina Iacp di Palermo, indagati l’assessore Falcone e il deputato Milazzo
Notizie

Nomina Iacp di Palermo, indagati l’assessore Falcone e il deputato Milazzo

La Procura di Palermo ha notificato un avviso di proroga di indagini al capogruppo di Forza Italia, Giuseppe Milazzo, e all'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, iscritti nel registro degli indagati, nell'ambito di un'inchiesta sull'Istituto autonomo case popolari (Iacp) di Palermo. L'indagine verte su presunte pressioni fatte da Milazzo nei confronti di Falcone per sostituire alla guida dell'Iacp Calogero Belingheri, col quale avrebbe avuto contrasti su alcuni affidamenti di beni immobili pubblici, con Ferruccio Ferruggia, poi nominato commissario dell'istituto. "Non c’è stata alcuna pressione subita, ma si è trattato di una nomina squisitamente fiduciaria - commenta l'assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone - Ritengo, in ogni caso, che sia giusto ch...
Mafia: un boss ottantenne a capo della Cupola 2.0. Sono 46 gli arresti
Cronaca, Notizie

Mafia: un boss ottantenne a capo della Cupola 2.0. Sono 46 gli arresti

A capo della Cupola 2.0 vi sarebbe stato un vecchio boss, un mammasantissima con un "curriculum" criminale di tutto rispetto chiamato a presiedere e avviare la Commissione provinciale di Cosa nostra del dopo Tottò Riina. Lui è Settimo Mineo (nella foto di Igor Petyx), ottantenne boss  a capo del mandamento di Pagliarelli, uomo ritenuto abbastanza carismatico da riconoscergli il potere di presiedere la Cupola mafiosa che si sarebbe riunita il 29 maggio di quest'anno, per la prima volta dopo il 1993 ovvero dall'arresto di Totò Riina. Mineo, che era pronto a partire per gli Stati Uniti, è stato arrestato insieme ad altre 45 persone dai carabinieri di Palermo che hanno eseguito un ordine di fermo emesso dalla Procura di Palermo guidata da Francesco Lo Voi. Per Mineo e gli...
Cronaca, Notizie

Assenteisti all’assessorato alla Salute: 20 denunciati e 22 provvedimenti restrittivi

Continua senza sosta la lotta al fenomeno dell’assenteismo nelle Pubbliche Amministrazioni dello Stato da parte dei finanzieri del Comando Provinciale di Palermo. A finire questa volta nel mirino degli investigatori è stato l’Assessorato Regionale alla Salute sito in piazza Ottavio Ziino. L’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palermo, ha messo in luce l’esistenza di una consolidata prassi di assenteismo ingiustificato realizzata attraverso un andirivieni di dipendenti pubblici che, in completa autonomia, gestivano i loro turni di servizio con presenze fittizie debitamente e furbescamente certificate. I “furbetti del cartellino” grazie alla mutua collaborazione fra loro, ovvero tramite lo scambio dei badge e l’utilizzo improprio dei pc aziendali,...
Traffico migranti, Procura: “Banda pericolosa per la sicurezza nazionale”
News Sicilia

Traffico migranti, Procura: “Banda pericolosa per la sicurezza nazionale”

L'organizzazione scoperta dal Nucleo di Polizia Tributaria della Finanza di Palermo, che organizzava viaggi su gommoni superveloci dalla Tunisia all'Italia, rappresentava una "minaccia alla sicurezza nazionale". Lo scrivono i pm che hanno coordinato l'inchiesta nel provvedimento che ha disposto il fermo di 15 persone: tunisini, marsalesi e fiorentini. Tra loro anche una donna. L'indagine è stata coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dai pm Gery Ferrara, Claudia Ferrari e Francesca La Chioma. "L'organizzazione - si legge nel provvedimento - è in grado di fornire ai suoi utenti un transito marittimo sicuro, occulto e rapido (della durata di non più di tre ore e mezza, a fronte del tempo di gran lunga superiore ed in condizioni disumane di trasporto normalmente rifer...
Procura di Palermo chiede 4 anni per estorsione per Miccoli
News Sicilia

Procura di Palermo chiede 4 anni per estorsione per Miccoli

La Procura di Palermo ha chiesto 4 anni di carcere per l'ex giocatore Fabrizio Miccoli, imputato di estorsione aggravata e giudicato con rito abbreviato dal gup Walter Turturici. Il pm Francesca Mazzocco sostiene che Miccoli avrebbe partecipato attivamente al tentativo di far consegnare del denaro da un imprenditore palermitano già socio di una discoteca di un paese vicino al capoluogo, Isola delle Femmine. La stessa Procura aveva chiesto l'archiviazione ma un altro giudice delle indagini preliminari, Fernando Sestito, aveva imposto l'imputazione coatta. In un altro giudizio era stato condannato a un anno Mauro Lauricella, amico dell'ex fantasista del Palermo e coinvolto nella stessa vicenda, ma i giudici avevano escluso che ci fosse stata un'estorsione, puntando sulla violenza priva...
Palermo, firme false 5 Stelle: chiesti 14 rinvii a giudizio
Province siciliane

Palermo, firme false 5 Stelle: chiesti 14 rinvii a giudizio

Quattordici indagati, compresi tre deputati nazionali, due regionali e un cancelliere del tribunale: la procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio per le persone coinvolte nell'indagine sulle firme false depositate dal Movimento Cinque Stelle a sostegno delle liste per le amministrative del 2012 nel capoluogo siciliano. I reati contestati, a vario titolo, dal procuratore aggiunto Dino Petralia e dal sostituto Claudia Ferrari sono il falso e la violazione di una legge regionale del 1960 che recepisce il Testo unico nazionale in materia elettorale. Tra gli indagati il deputato nazionale Riccardo Nuti, che nel 2012 era candidato sindaco, e le parlamentari Giulia Di Vita e Claudia Mannino. Secondo la procura, Nuti e un gruppo ristretto di attivisti come Di Vita, Ma...
News Sicilia, Notizie, Politica & retroscena

Cambi – casacca all'Ars. Indaga la Procura di Palermo: nomine e favori in cambio

Cambi - casacca all'Ars. Indaga la Procura di Palermo: nomine e favori in cambio del passaggio di "casacca" dei parlamentari. E' questa l'ipotesi sulla quale si indaga.  Il 22 aprile scorso, il deputato Udc Giuseppe Sorbello aveva detto durante il dibattito all'Ars: "Io sono forse uno dei pochi che non ha avuto niente... Molti di quelli che hanno cambiato casacca in questo parlamento hanno avuto nomine a iosa di parenti, di amici e amici degli amici". Subito dopo la seduta, il deputato di Cinquestelle Giorgio Ciaccio aveva inviato una denuncia alla Procura di Palermo, allegando anche il resoconto stenografico e un cd con la registrazione video della seduta dell'Ars. Adesso, Ciaccio viene convocato dalla Digos nell'ambito di un'inchiesta aperta dalla procura. L'audizione avverà mercoledì ma...
News Sicilia, Notizie

Procura di Palermo, bocciata dal Tar la nomina di Lo Voi: ecco perché

La nomina di Francesco Lo Voi a capo della Procura di Palermo da parte del Consiglio superiore della magistratura avvenuta a dicembre dell'anno scorso è carente sotto il profilo della motivazione e pertanto va annullata. E' la decisione della I sezione quater del Tar del Lazio (presidente Elia Orciuolo, consiglieri: Giampiero Lo Presti che è anche estensore della sentenza e Fabio Mattei) che ha accolto così i ricorsi presentati dai procuratori di Caltanissetta Sergio Lari e di Messina Guido Lo Forte. I giudici amministrativi hanno respinto le tesi di illegittimità dei ricorsi presentate da Lo Voi e dal Csm che è stato condannato anche a pagare 3000 euro. E' possibile, comunque, che il Csm visti anche sulla base di precedenti analoghi decida di presentare ricorso. La sentenza dei giudici ...