Cas, Santoro si dimette da direttore generale per motivi personali

Condividi

Leonardo Santoro non è più il direttore generale del Consorzio Autostrade Siciliane. Dopo cento giorni dalla nomina ha gettato la spugna, ufficialmente per motivi personali, in realtà perché la Regione – scrive la Gazzetta del Sud“non ha sostenuto il suo approccio riformistico in un ente regionale segnato da inchieste, arresti e con una rete autostradale scandalosa da gestire”.

La scelta è irrevocabile, ha detto, indietro non si torna. Era stato il governatore regionale Nello Musumeci a imporre un principio di svolta alla guida del Cas, chiedendo a Santoro di lasciare la guida del Genio civile per intraprendere il nuovo percorso professionale. Ma strada facendo i rapporti con la Regione si sono raffreddati, tanto che il Consorzio ha dovuto fronteggiare emergenze e manutenzioni raschiando il barile, mentre da Palermo il flusso dei finanziamenti si è insabbiato e l’elenco dei crediti sfiora i duecento milioni di euro, senza i quali i progetti avviati rischiano di arenarsi.

Tra i probabili successori, scrive il quotidiano messinese, c’è Gaspare Sceusa (dirigente di seconda fascia), che proprio in questi giorni è rientrato in servizio in quanto il Tribunale del riesame ha revocato l’interdizione dai pubblici uffici che gli era stata comminata per l’indagine sulla frana di Letojanni. Sceusa è candidato alla carica in quanto è l’unico dirigente dipendente del Cas ed in quanto è risultato idoneo in un concorso proprio per dirigente generale dello stesso ente. Indicato anche Salvatore Minaldi (dirigente di terza fascia), in comando al Cas dal genio Civile di Catania per sostituire Sceusa quando era interdetto.

Leggi anche:  Il ritorno di Totò Cuffaro: cantiere aperto per ricostituire la Democrazia cristiana

“Qualunque decisione verrà presa sul futuro del Consorzio Autostrade Siciliane è necessario che, nell’immediato, il socio di maggioranza Regione Sicilia adotti misure urgenti per garantire la sicurezza della rete autostradale e la fruibilità della stessa senza le interminabili code che caratterizzano taluni tratti. E’ paradossale che da anni un ente, con capacita’ straordinarie, che incassa circa duecentomila mila euro al giorno, sia stato ridotto ad un carrozzone politico e non riesca a dare le risposte per cui era stato creato – afferma in una nota, Nino Germanà, deputato di Forza Italia, che aggiunge: “da Messinese, costretto da anni a viaggiare su una tratta autostradale inadeguata, ritengo che le discussioni in merito alla risoluzione della convenzione tra Anas e Consorzio siano parte di un processo lungo e difficile – tanto che la precedente revoca e’ stata annullata dal C.G.A. – per cui confido nelle capacità del Presidente Musumeci di saper valutare la necessità di un suo autorevole intervento per far giungere al Consorzio le risorse necessarie per gli interventi immediati di manutenzione, che lo stesso aspetta dalla Regione, e per mantenere sotto il costante controllo del socio di maggioranza la gestione delle stesse. Confido che tutto si decida al più presto perché tra non molto oltre alle strade potrebbero essere a rischio anche gli stipendi dei dipendenti, con gravissimi disagi all’economia locale e alle famiglie degli interessati” conclude.

0 thoughts on “Cas, Santoro si dimette da direttore generale per motivi personali”

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *