M5S: “Ars costa quanto la Casa Bianca ma produce quasi nulla”

M5S: “Ars costa quanto la Casa Bianca ma produce quasi nulla”
26 febbraio 2019

Costa poco più della Casa Bianca sotto la gestione Obama, (137 milioni e mezzo l’anno contro 136 dell’istituzione a stelle e strisce) ma produce pochissimo, appena 21 leggi nel  2018  (gran parte obbligatorie relative al bilancio, finanziaria e rendiconto) e nessuna vera riforma. Da dicembre 2017 a dicembre 2018 l’aula si è riunita solo 87 volte per una media di 7,25 ore al mese. E in alcuni mesi ha lavorato ancora meno. A maggio del 2018, ad esempio, quando sala d’Ercole chiamò a raccolta i deputati solo 4 volte per un totale di 4 ore e 34 minuti.

I dati sulla produttività del parlamento più antico d’Europa nel 2018 sono stati presentati oggi alla stampa dal  M5S nel corso di una conferenza stampa tenuta da Stefano Zito (che ha raccolto i dati), dal capogruppo Francesco Cappello e dalla deputata Elena Pagana.

“Mediamente – ha detto  Zito – il Parlamento, riunendosi così poche volte, finisce per costarci mille euro al minuto.  E’ vero che ci sono anche i lavori delle commissioni legislative, ma anche lì non è che ci si ammazzi di lavoro”.

In effetti  le commissioni permanenti si riuniscono mediamente una volta a settimana, con la Bilancio la più attiva. “In tutto questo – ha affermato Cappello – sono evidenti  le colpe della gestione Miccichè, ma anche il governo Musumeci ha le sue. Se l’esecutivo avesse portato in aula le riforme che aveva roboantemente  annunciato durante la campagna elettorale staremmo a parlare di ben altre situazioni.  E non ci si appelli all’alibi delle casse regionali vuote, ci sono parecchie leggi a costo zero che potrebbero essere varate se solo ci fosse veramente la volontà di farlo”.

“Ad esempio – ha affermato Zito a margine della conferenza – si poteva mettere mano alla riforma della dirigenza regionale che vede un plotone di generali spesso senza un esercito da comandare. E invece ci si e ritrovati spesso a fare  sedute per rispondere alla interrogazioni,  gran parte delle quali sono nostre, o per discutere della fondamentale norma sulle aiuole, mentre la Sicilia va a rotoli”.

Sia nelle commissioni che in aula, le assenze dei deputati  nell’anno appena andato in archivio sono letteralmente fioccate. A sala d’Ercole alcuni parlamentari hanno fatto registrare meno della metà delle presenze. (Gennuso e Genovese) a salvare altri  (capigruppo, componenti dell’ufficio di presidenza ed  assessori ) è stato il regolamento, che attraverso le presenze automatiche li considera sempre sugli scranni anche quando non ci sono.

Per turare alcune falle del sistema i deputati del  M5S stelle stanno mettendo a punto alcune proposte di modifiche la regolamento che prevedono, oltre all’abolizione delle presenze automatiche  anche multe o altre sanzioni per gli gli “Arsenteisti”. “Ci stiamo studiando su – ha detto  Elena Pagana,  che fa parte della commissione regolamento – le metteremo a punto con il conforto del parere degli uffici”.

Il gruppo più prolifico in fatto di atti parlamentari presentati è il M5S (è anche il gruppo più numeroso) che ne ha presentato quasi il 45 per cento , segue il Pd 20,82 per cento e Diventerà Bellissima 10,18 per cento.



Leggi anche

Commenti

Succede




www.ShopRicambiAuto24.it