E’ finito agli atti dell’inchiesta sulle firme false a sostegno della lista grillina alle comunali di Palermo del 2012 l’audio “rubato” di una conversazione tra un membro dello staff della comunicazione dei Cinque Stelle alla Camera e alcuni deputati palermitani coinvolti nell’inchiesta e ora fuori dal movimento.
Nella conversazione, registrata di nascosto in un ufficio della Camera a luglio scorso, Andrea Cottone, componente dello staff della comunicazione M5s, Loredana Lupo, Chiara Di Benedetto, Riccardo Nuti e Giulia Di Vita parlano per 30 minuti della gestione, a loro dire poco trasparente, dei fondi assegnati ad Addiopizzo, associazione antiracket da cui Cottone era uscito in polemica e di cui è stato fondatore Ugo Forello, attuale candidato a sindaco di Palermo per il movimento, che ha avuto un importante ruolo nell’indagine sulle firme false.
E’ stato Forello a convincere due deputati regionali, La Rocca e Ciaccio, a raccontare ai magistrati la vicenda delle firme false che ha portato all’incriminazione loro e dei deputati nazionali Nuti e Di Vita, di diversi esponenti del movimento e di un cancelliere del tribunale.
L’audio rubato è stato depositato in procura dal legale di Nuti anche se sembra poco rilevante in relazione alle indagini sulle firme false.
Intanto la Digos, che ha condotto l’inchiesta continua ad ascoltare, in attività integrativa di indagine, i firmatari della lista incriminata: dopo i 200 ascoltati nei mesi scorsi, sono 802 le persone comparse in questura per il riconoscimento delle sottoscrizioni.
Il 17 maggio gli indagati compariranno davanti al gip in udienza preliminare.

Leggi anche:  Mafia, sequestro da 100 milioni a Catania a clan Santapaola-Ercolano

Intanto Addiopizzo annuncia: siamo stati diffamati sporgeremo denuncia. Ecco il comunicato: “Apprendiamo dell’esistenza su Facebook di una conversazione nella quale è coinvolto uno degli addetti alla comunicazione del movimento Cinque Stelle (socio fino al 2008 dell’associazione) che rappresenta ad alcuni parlamentari della Repubblica, gravissime ricostruzioni diffamatorie, perché false, su dinamiche interne ed esterne all’Associazione e alle condotte dei suoi soci. Le affermazioni contenute nella registrazione audio sono altamente lesive e contengono perciò gravi ipotesi di reato. Per queste ragioni abbiamo già dato mandato agli avvocati per sporgere denuncia agli organi competenti ai fini dell’accertamento di ogni responsabilità penale. Inoltre, sarà intentata azione civile per il risarcimento dei danni. A riguardo si precisa che il ristoro sarà interamente devoluto alle ONG impegnate nel salvataggio di esseri umani nel canale di Sicilia. Diffidiamo altresì chiunque a veicolare il contenuto delle registrazioni e ci riserviamo di procedere anche contro i soggetti che, a qualsiasi titolo, concorreranno alla diffusione, sia integrale che parziale, della registrazione audio in questione. Difenderemo l’onorabilità dell’associazione e delle persone diffamate e non consentiremo a nessuno di trascinare Addiopizzo in faide interne al movimento Cinque Stelle o in dispute elettorali. Ribadiamo pertanto, con assoluta fermezza, che l’associazione rimane apartitica e continuerà ad operare nell’interesse di Palermo e dell’intero Paese, sempre fuori da ogni logica di appartenenza politica. Abbiamo a che fare ogni giorno con nemici molto più insidiosi, non saranno le illazioni dell’ultimo arrivato a intimorirci. Andiamo avanti a testa alta, col sostegno di tanti e con ancora maggiore determinazione”.

Leggi anche:  Mafia, sequestro da 100 milioni a Catania a clan Santapaola-Ercolano
https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2017/05/audiorubato-1024x578.pnghttps://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2017/05/audiorubato-150x150.pngGiorgio LivigniNotizie dalla SiciliaPolitica & retroscenacinque stelle,forello,Riccardo Nuti
E' finito agli atti dell'inchiesta sulle firme false a sostegno della lista grillina alle comunali di Palermo del 2012 l'audio 'rubato' di una conversazione tra un membro dello staff della comunicazione dei Cinque Stelle alla Camera e alcuni deputati palermitani coinvolti nell'inchiesta e ora fuori dal movimento. Nella conversazione, registrata...