Riscossione Sicilia, Corte dei conti invia carte in procura

Durante la sua requisitoria sul rendiconto della Regione per il 2019, il procuratore generale Corte dei Conti, Pino Zingale, ha preannunciato una denuncia alla Procura penale “per irregolarità e distrazione nella gestione di somme riscosse da Riscossione Sicilia”.

Riscossione Sicilia


    “Ad ulteriore e autorevolissima conferma della gravità della situazione finanziaria dei Comuni siciliani a causa della legislazione nazionale e regionale e di una catastrofica gestione di Riscossione Sicilia, che produce effetti devastanti sui bilanci di tutti i Comuni siciliani”, dice Leoluca Orlando, presidente di Anci Sicilia dopo che il Procuratore generale Corte dei conti, in sede di parifica del rendiconto 2019 della Regione, ha preannunciato la denuncia alla Procura penale per irregolarità e distrazione nella gestione di somme riscosse da Riscossione Sicilia.

Leggi anche:  Mafia, sequestro da 100 milioni a Catania a clan Santapaola-Ercolano

Nel rendiconto è evidenziato il collegamento tra stato di stagnazione economica della Sicilia, che si è aggravato e le gravissime criticità finanziarie dei Comuni siciliani (un terzo della popolazione siciliana vive in Comuni in dissesto di predissesto) e la grave criticità del sistema di riscossione in Sicilia che produce effetti determinanti sul numero di Comuni in dissesto in continuo aumento, dice Anci Sicilia. (ANSA).

>