domenica, aprile 18

Sicindustria: “Governo Draghi cambi passo e metodo”

Condividi

Il Consiglio di presidenza di Sicindustria chiede al nuovo governo una inversione di rotta. “Non siamo più disponibili ad alcuna collaborazione con lo Stato se non si modifica radicalmente l’approccio nei confronti di imprese e lavoratori. Il governo Draghi cambi passo e metodo” si legge in un comunicato.

Per il Consiglio di presidenza di Sicindustria, che spiega: “Oggi le nostre imprese dovranno versare i contributi previdenziali in misura piena per l’incapacità delle istituzioni di dare seguito a un provvedimento del dicembre 2020, che prevedeva la decontribuzione al 30%. E questo non è ammissibile. Così come non lo è il fatto che, a distanza di un anno dal primo lockdown, oggi alcuni componenti del Cts, che rivestono un ruolo consultivo, sostituiscano chi ha la responsabilità di governo con dichiarazioni che hanno la sola finalità di incrementare il clima di incertezza e di paura nella popolazione. Precisiamo ulteriormente che le istituzioni di governo non hanno più scelta: o assumono nell’immediato comportamenti improntati alla serietà richiesta dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e di correttezza e lealtà nei confronti di imprese e lavoratori o, in caso contrario, non perdano tempo a chiedere la nostra collaborazione per risollevare le sorti del Paese. Il governo vari entro venerdì il decreto Ristori 5 e, entro fine mese, ristori effettivamente le imprese. In assenza di precise e tempestive misure a sostegno delle imprese, non vi sarà più alcuna disponibilità a collaborare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.