Sindacati a Draghi “Dai vaccini al Dl Sostegni, subito un confronto”

ROMA (ITALPRESS) – “E’ il momento della responsabilità, dell’unità e dell’impegno comune per assumere le decisioni necessarie per rafforzare la coesione sociale nel nostro Paese e investire sul mondo del lavoro”. Ad affermarlo, in una nota, i segretari di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri che hanno chiesto al presidente del Consiglio, Mario Draghi un incontro per “avviare da subito un confronto di merito”.


Secondo i leader dei sindacati “serve un piano di vaccinazioni nazionale condiviso gestito dal servizio pubblico. Non è il momento delle differenziazioni regionali o aziendali. Abbiamo chiesto ai ministri della Salute e del Lavoro di convocare rapidamente il tavolo tecnico per aggiornare il protocollo alla Sicurezza nei luoghi di lavoro comprensivo di un piano per le vaccinazioni”.

Leggi anche:  Vaccini: terze dosi boom, possibili 7 milioni in 2021. E ora gli under 60


Inoltre, “serve confermare nel Decreto Sostegni le risorse necessarie per proteggere tutte le forme di lavoro e prorogare il blocco dei licenziamenti finchè non siamo fuori dalla fase di emergenza pandemica e di avviare la riforma degli ammortizzatori sociali”.


Per Landini, Sbarra e Bombardieri “è il momento di combattere l’evasione fiscale anche con le tecnologie digitali e di avviare la riforma fiscale. Non di mascherati condoni fiscali”, ed è anche “il momento di avviare un vero confronto sui progetti che costituiscono il PNRR da portare in Europa per disegnare ed avanzare un nuovo modello di sviluppo sostenibile e digitale e creare buona e stabile occupazione per giovani donne e nel Mezzogiorno”. “E’ il momento – concludono – della scelta e degli investimenti in politiche industriali a partire dalla gestione delle vertenze aperte da anni al MISE”.
(ITALPRESS).

Leggi anche:  Superbonus 110, Nardi. "No a cambiare le regole. Si proroghi come è"
>