Caso vaccini, inchiesta su morte imprenditore di Partinico

Condividi

Tiene ancora banco il caso vaccini. Questa volta è la Procura di Palermo ha aperto un’inchiesta sulla morte di Paolo Mattina, imprenditore edile di 63 anni di Partinico, morto il 20 aprile al Policlinico del capoluogo siciliano per crisi cardiaca quattro giorni dopo avere ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca, come segnalato all’Aifa dall’Asp. I familiari hanno presentato una denuncia ai carabinieri.

I magistrati titolari del fascicolo hanno disposto l’autopsia che sarà eseguita nell’istituto di medicina del Policlinico. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo si sarebbe sentito male all’indomani dell’inoculazione.
    Tre giorni dopo i primi sintomi si è recato in ospedale, a Partinico, e da lì trasferito al Policlinico di Palermo dove è arrivato in arresto cardiaco. L’Asp ha segnalato il caso all’Agenzia italiana del farmaco come “presunto evento avverso”.

Leggi anche:  Arriva l'olio novello La Vucciria imbottigliato come un distillato