Scoperti altri 8 furbetti del Buono spesa nel palermitano

Condividi

Irregolarità nelle istanze presentate da parte di 8 richiedenti il cosiddetto Buono Spesa, residenti nei Comuni di Trappeto, Borgetto e San Cipirello sono state scoperte dai Finanzieri della Compagnia di Partinico, nell’ambito dell’istituzionale attività di polizia economica e finanziaria tesa alla vigilanza ed alla tutela del bilancio dello Stato, della Regione e degli altri Enti pubblici .  

Buono spesa

In particolare, tra le oltre 430 istanze analizzate, è emerso che i beneficiari, sulla scorta del modello di autocertificazione redatto e presentato presso i propri Comuni di residenza, avevano sottoscritto l’istanza di accesso all’intervento socio-assistenziale e le relative dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà, sostenendo di trovarsi nelle condizioni previste ed elencate nell’avviso pubblico.

Leggi anche:  Palermo: neonato soffoca, infermiere in vacanza lo salva

In realtà, dai controlli eseguiti dalle Fiamme Gialle, incentrati sui dati autocertificati nelle cd. “richieste di erogazione di buoni spesa/voucher” presentate, è stato possibile accertare in ben 8 casi che alcuni nuclei familiari percepivano altre forme di sostegno economico, quali Naspi e/o Reddito di Cittadinanza, che hanno omesso di dichiarare. Di conseguenza, sulla scorta delle informazioni acquisite, le autocertificazioni presentate sono risultate prive dei requisiti previsti nell’avviso di pubblico bando.

Ai responsabili è stata contestata la violazione amministrativa di indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato e sono state contestualmente comminate sanzioni pecuniarie per quasi 6 mila euro.

Inoltre, è stata avviata con i Comuni competenti l’azione amministrativa per il recupero delle somme indebite già erogate nel periodo maggio – luglio 2020 ammontanti complessivamente a 2 mila euro.

Leggi anche:  Arriva l'olio novello La Vucciria imbottigliato come un distillato

L’attività di servizio conferma il ruolo di polizia economico-finanziaria affidato al Corpo della Guardia di Finanza, a contrasto delle condotte tenute da coloro i quali, accedendo indebitamente a prestazioni assistenziali erogate dallo Stato, sottraggono importanti risorse economiche destinate a favore di persone e famiglie che si trovano effettivamente in condizioni di disagio.