Lo ha deciso l'assessore regionale al Turismo e spettacolo, Sandro Pappalardo. Protestano i sindacati