Al via i lavori per messa in sicurezza sulla strada Racalmuto, Bompensiere e Milena

Al via i lavori per messa in sicurezza sulla strada Racalmuto, Bompensiere e Milena
11 marzo 2019

Le emergenze della viabilità secondaria restano segnate in rosso sull’agenda di lavoro del governo Musumeci. Tra pochi giorni potranno cominciare i lavori per la messa in sicurezza della strada sovracomunale che collega la periferia di Racalmuto, nell’Agrigentino, ai due centri nisseni di Bompensiere e Milena.

L’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana, ne ha affidato la realizzazione, per un importo di oltre trecentomila euro, all’impresa Nocifora Tiranno di Sant’Agata di Militello. Si tratta di un’arteria strategica per i Comuni del Vallone perché consente un collegamento diretto, oltre che con la statale 189, anche con la nuova veloce 640.

“E’ un tratto di quasi quattro chilometri e mezzo – spiega il governatore Nello Musumeci – dove da tantissimi anni non si fa alcuna manutenzione nonostante rappresenti un passaggio obbligato per automobilisti e mezzi pesanti che giornalmente la attraversano per raggiungere la zona industriale in cui sorge lo stabilimento dell’Italkali. Il fondo stradale fortemente dissestato rappresenta un costante pericolo per l’incolumità di chiunque la percorra ma adesso, entro l’estate, potremo chiudere quest’altra inaccettabile pagina d’incuria”.

Il progetto per la messa in sicurezza, elaborato dal dipartimento della Protezione civile regionale, prevede il ripristino della carreggiata che risulta ristretta in diversi punti a causa degli smottamenti delle scarpate, la pulizia di cunette e banchine ripiene di terriccio e di piante infestanti e il livellamento dell’asfalto sprofondato per larghi tratti. Dovranno, inoltre, essere liberati alcuni tombini intasati, ricostruite le cordonate e ricollocate le barriere di sicurezza mancati o danneggiate.

Leggi anche:  Caos parcheggi a Taormina. Impregilo chiede al Comune 42 milioni di euro


Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  Caos parcheggi a Taormina. Impregilo chiede al Comune 42 milioni di euro




Leggi anche:  Sicilia, l'Anci contro l'accorpamento dei piccoli comuni

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Caos parcheggi a Taormina. Impregilo chiede al Comune 42 milioni di euro

Succede




Leggi anche:  Scicli - Il Comune rimane sciolto per mafia. Il Tar ha respinto il ricorso