GELA (CALTANISSETTA) (ITALPRESS) – Imprenditori agricoli e titolari di aziende che ricadono nel territorio di Gela e Butera, in provincia di Caltanissetta, rubavano ingenti quantitativi di acqua dalla rete idrica pubblica: è quanto ricostruito dalla polizia di Gela che sta eseguendo misure cautelari e perquisizioni.

L’operazione è stata denominata “H2O”. I 26 indagati sono accusati, a vario titolo, di furti aggravati ai danni della condotta idrica Gela-Aragona, infrastruttura gestita dalla Siciliacque Spa. I reati contestati sono tutti aggravati dalla commissione del fatto con violenza sulle cose e su beni destinati a pubblico servizio ed utilità. Gli indagati sono stati sottoposti alla misura cautelare del divieto di dimora e di accesso nelle aziende agricole gestite o in cui collaborano: 14 sono stati anche sottoposti all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria competente per territorio di residenza.
(ITALPRESS).

https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/08/20210804_0092-1024x575.jpghttps://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/08/20210804_0092-150x150.jpgredazioneNotizie dalla Sicilia
GELA (CALTANISSETTA) (ITALPRESS) – Imprenditori agricoli e titolari di aziende che ricadono nel territorio di Gela e Butera, in provincia di Caltanissetta, rubavano ingenti quantitativi di acqua dalla rete idrica pubblica: è quanto ricostruito dalla polizia di Gela che sta eseguendo misure cautelari e perquisizioni. L’operazione è stata denominata...