Inchiesta “Gettonopoli” a Messina, chieste 15 condanne e 2 assoluzioni

Condividi

15 richieste di condanna e due di assoluzione. E’ la richiesta del pubblico ministero Francesco Massara nel processo per la ‘Gettonopoli’ di Messina, sulle ‘presenze lampo’ dei consiglieri comunali alle commissioni consiliari di Palazzo Zanca.

Il rappresentante dell’accusa ha chiesto alla Prima sezione penale del Tribunale condanne che vanno dai 3 ai 5 anni, sollecitando la condanna per tutte le ipotesi di truffa e per tutti gli abusi d’ufficio senza partecipazione effettiva. Chiesta invece l’assoluzione per tutti i falsi e per gli abusi d’ufficio quando c’è stata partecipazione.

In particolare ha chiesto 3 anni e 6 mesi per Antonino Carreri, 3 anni e 7 mesi per Santi Sorrenti, 3 anni e 8 mesi per Andrea Consolo, 4 anni per Piero Adamo e Nicola Cucinotta , 4 anni ed 1 mesi per Carmela David, 4 anni e 3 mesi per Angelo Burrascano, 4 anni e 5 mesi per Giovanna Crifò, 4 anni e 7 mesi per Pio Amadeo, 4 anni e 8 mesi per Fabrizio Sottile, 4 anni e 9 mesi per Carlo Abate, 4 anni e 9 mesi per Piero David, 4 anni e 10 mesi per Nicola Salvatore Crisafi, 4 anni e 11 mesi per Daniele Zuccarello, 5 anni e Benedetto Vaccarino.

Chieste le assoluzioni per Nora Scuderi e Libero Gioveni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.