Papa Francesco a Palermo: ecco il programma della visita

“Per la prima volta il Santo Padre tocca il suolo della nostra amata Isola. E’ chiaro che ad accoglierlo saranno due Chiese particolari, quelle di Palermo e di Piazza Armerina, ma saranno anche tutte le Chiese di Sicilia”. L’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, ha illustrato questa mattina il programma della visita pastorale del Papa nel capoluogo siciliano il 15 settembre, in occasione del XXV anniversario dell’uccisione di Padre Pino Puglisi.

Entrando nello specifico, Lorefice ha spiegato che Papa Francesco andrà prima di tutto a Piazza Armerina: “Al mattino sarà lì, incontrerà la Chiesa della nostra Diocesi sorella, che e’ accompagnata, presieduta dal Vescovo Rosario Gisana; da lì poi il Santo Padre si trasferirà qui a Palermo e celebrerà l’Eucaristia”. I luoghi, nel loro complesso, sono ancora da definire nei dettagli “perché si deve mettere in moto una macchina per la sicurezza, la sua visita deve essere un motivo di gioia”.

“In questo momento – ha aggiunto – non possiamo dare riferimenti precisi di luogo, ma le tappe si’: certamente, al mattino, celebrerà qui l’eucaristia per tutti; poi, il Santo Padre desidera condividere il pranzo con alcuni fratelli poveri e immigrati, questo per lui è un motivo preciso; dopo il pranzo, che molto probabilmente sarà con coloro che la missione ‘Speranza e Carità’ di Biagio Conte accoglie, in forma privata, vorrà recarsi nei luoghi del martirio, dunque a Brancaccio, in quella Chiesa dove Don Pino, perla del presbiterio palermitano, ha esercitato il suo ministero. Incontrerà clero, religiosi e seminaristi dopo la visita privata che farà a Brancaccio, nella Chiesa di San Gaetano e nel luogo del martirio, in piazza Anita Garibaldi”.

La visita pastorale di Papa Francesco a Palermo per ricordare Padre Puglisi a 25 anni dalla sua uccisione ma anche gli altri martiri laici, come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. “Chi riesce a dare la vita per gli altri, anche se non ha la stessa fede cristiana, fa parte di questa opera salvifica che per noi cristiani ha il suo compimento nella Pasqua di Gesù – dice l’Arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, parlando con i giornalisti in Curia – Il suo è un venire a riconoscere anche tutti i martiri della giustizia”. “È chiaro che il Papa, grazie a Dio, ci sta ricordando come sempre il Vangelo di Matteo in cui si diceva ‘avevo fame, avevo sete. Ero profugo e mi avete accolto’ – ha ricordato Lorefice -. Viene anche per le ferite della nostra Isola, per i nostri palermitani. Noi sappiamo oggi, ahimé, cosa significhi dal punto di vista dei problemi sociali la nostra Isola. Non solo il problema della mafia, ma anche quello della sussistenza: sappiamo quanti a Palermo non hanno una casa, rischiano di perderla, non hanno un lavoro, il Papa verrà a sostenerci anche su questo versante”. 

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando assicura che la macchina organizzativa è già a lavoro. “Monsignor Lorefice ha detto che per i luoghi della visita del Papa bisogna ancora fare una valutazione, ma ha indicato le tappe e gli incontri che Papa Francesco ritiene di poter avere a Palermo. Da questo punto di vista, abbiamo già dato vita a un’organizzazione comunale che sarà d’ausilio a quella principale curata dall’Arcidiocesi. E’ una grande gioia – ha aggiunto Orlando – resa ancora più grande dalla scelta del 15 settembre, data che evoca i segni del martirio e richiama i valori della vita e della liberazione. E’ questo il senso della nostra richiesta al Santo Padre, Pino Puglisi copatrono della città metropolitana, a conferma del cammino di liberazione avviato il 15 settembre del 1993″. 

Questo il programma della visita in Sicilia di Papa Francesco, in programma per il 15 settembre in occasione del 25mo anniversario della morte del Beato Pino Puglisi, secondo quanto reso noto dalla sala stampa della Santa Sede.

Leggi anche:  Bagheria, smantellato sistema di truffe a società di autonoleggio

15 SETTEMBRE 2018

Ore 6.30 Partenza in auto da Santa Marta. Ore 7.00 Decollo dall’aeroporto di Ciampino per Catania. Ore 7.50 Atterraggio all’aeroporto di Catania-Fontanarossa (scalo tecnico: non sono previsti incontri o saluti). Ore 8.00 Decollo in elicottero da Catania-Fontanarossa per Piazza Armerina. Ore 8.30 PIAZZA ARMERINA (Enna) Atterraggio nel Campo sportivo “San Ippolito”. Il Santo Padre è accolto da: – S.E. Mons. Rosario Gisana, Vescovo di Piazza Armerina; – Dott.ssa Maria Rita Leonardi, Prefetto di Enna; – Dott. Filippo Miroddi, Sindaco di Piazza Armerina. Trasferimento in auto a Piazza Europa. Ore 9.00 Piazza Europa: Incontro con i Fedeli Saluto di S.E. Mons. Rosario Gisana, Vescovo di Piazza Armerina. al termine del discorso, il Santo Padre saluta alcuni fedeli. Discorso del Santo Padre Ore 10.00 In auto, il Santo Padre lascia Piazza Europa e raggiunge lo Stadio “San Ippolito”. Il Santo Padre si congeda dalle Autorità che Lo hanno accolto all’arrivo. Ore 10.15 Decollo in elicottero per Palermo. Ore 10.45 PALERMO Atterraggio nel Porto di Palermo. Il Santo Padre è accolto da: – S.E. Mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo; – On. Nello Musumeci, Presidente della Regione Sicilia; – Dott.ssa Antonella De Miro, Prefetto di Palermo; – On. Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo. Ore 11.45 Foro Italico: Celebrazione della Santa Messa nella Memoria liturgica del Beato Pino Puglisi. Al termine della celebrazione: Saluto di S.E. Mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo. Omelia del Santo Padre Ore 13.30 Alla Missione di Speranza e Carità (Fra’ Biagio Conte): il Santo Padre pranza con gli Ospiti della Missione e una rappresentanza di Detenuti e Immigrati. Ore 15.00 Visita in forma privata alla Parrocchia San Gaetano al Quartiere Brancaccio, e alla Casa del Beato Pino Puglisi. Ore 15.30 Cattedrale: Incontro con il Clero, i religiosi e i Seminaristi. Discorso del Santo Padre Ore 17.00 Piazza Politeama Incontro con i Giovani. Discorso del Santo Padre Ore 18.30 Aeroporto di Palermo-Punta Raisi: decollo per Roma. Il Santo Padre si congeda dalle Autorità che Lo hanno accolto all’arrivo a Palermo. Ore 19.20 Atterraggio a Ciampino e trasferimento in auto in Vaticano.

Leggi anche:  Marsala, cinque in corsa per guidare la Procura

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.