Per i sindacati la partecipata regionale che gestisce il sistema informatico dell'amministrazione avrebbe un buco di 50 milioni di euro