Salvatore Borsellino: “Restituiteci l’Agenda rossa”

Salvatore Borsellino: “Restituiteci l’Agenda rossa”
16 luglio 2019

“E’ necessario che quella Agenda Rossa che è stata sottratta da mani di funzionari di uno stato deviato e che giace negli archivi grondanti sangue di qualche inaccessibile palazzo di Stato e non certo nel covo di criminali mafiosi venga restituita alla Memoria collettiva, alla Verità e la Giustizia”.

E’ un passo della lettera inviata da Salvatore Borsellino, fratello del procuratore aggiunto Paolo ucciso nella strage di via D’Amelio il 19 luglio ’92, al presidente della commissione Antimafia Nicola Morra dopo che palazzo San Macuto a ha deciso di declassificare tutti gli atti secretati dalle inchieste parlamentari dal 1962 al 2001. Oggi saranno pubblicate le audizioni di Paolo Borsellino davanti alla commissione.

Il fratello del magistrato, che era stato invitato a Roma per l’evento oggi alle 14 a cui però non parteciperà, ha reso nota la lettera durante la conferenza stampa per rendere noto il programma delle iniziative nel 27/mo anniversario della strage di Via D’Amelio, il 19 luglio 1992, quando con Borsellino vennero uccisi anche cinque agenti della polizia di Stato.

“Ora, a ventisette anni di distanza – scrive Borsellino – io non posso accettare che i pezzi di mio fratello, le parole che ha lasciate, i segreti di Stato che ancora pesano su quella strage vengano restituiti a me, ai suoi figli, all’Italia intera, ad uno ad uno. E’ necessario che ci venga restituito tutto, che vengano tolti i sigilli a tutti i vergognosi segreti di Stato ancora esistenti e non solo sulla strage di Via D’Amelio ma su tutte le stragi di stato che hanno marchiato a sangue il nostro paese”.

Leggi anche:  Artigianato e innovazione: i record di Kamira, la caffettiera speciale nata in un garage


Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  Storico accordo sull'Iva tra Regione Sicilia e Governo

Leggi anche:  Su internet il video del pestaggio del responsabile di Forza Nuova: hanno agito in sei

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Artigianato e innovazione: i record di Kamira, la caffettiera speciale nata in un garage

Succede

Leggi anche:  Figuccia si è dimesso, ipotesi di un tecnico al suo posto. Musumeci: "Nessuna crisi"