A Lampedusa la III edizione del Premio Giornalistico Internazionale “Cristiana Matano”

Condividi

Si terrà il 10 luglio, a Lampedusa, la cerimonia di consegna della terza edizione del Premio Giornalistico Internazionale “Cristiana Matano”, patrocinato dall’Ordine dei Giornalisti e dalla Federazione Nazionale della Stampa.

Il premio è dedicato alla giornalista di Tgs, scomparsa prematuramente, che ha scelto di essere sepolta nell’isola delle Pelagie, in segno di unione con Lampedusa e con suoi valori di solidarietà e inclusione. Il programma del premio è stato presentato nella Sala Onu del Teatro Massimo di Palermo. Il Premio è suddiviso in cinque sezioni: Stampa estera, Stampa nazionale, Giornalista emergente (under 30) Premio speciale (assegnato su proposta della giuria) più un segmento dedicato agli studenti delle Pelagie.

La cerimonia di consegna del premio chiuderà la manifestazione Lampedus’Amore, tre giorni di spettacoli (con inizio l’otto luglio) e di sport che si svolgeranno nell’isola siciliana. Filippo Mulé, dell’associazione Occhi Blu, giornalista e marito di Cristiana, ha dichiarato: “Dietro questo evento c’è un lavoro che comincia a ottobre e che poi finisce nei prossimi giorni. Quest’anno abbiamo allungato il programma da due giorni a tre giorni. L’obiettivo – ha proseguito Mule’ – è ricordare Cristiana, il suo amore per il giornalismo e per Lampedusa. Ma vogliamo anche raccontare storie e personaggi, legati a Lampedusa come luogo simbolo”.

Quest’anno hanno partecipato al premio i giornalisti delle più importanti testate nazionali. A livello internazionale, anche il Times di Londra e anche un cronista giapponese. “Siamo qui per ricordare Cristiana Matano, un’immagine dolce e forte, legata a Lampedusa, che contrasta con l’immagine aspra e pesante di un certo modo di fare politica sul tema dell’accoglienza”, ha dichiarato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che ha poi aggiunto: “Non dimentichiamo che i migranti sono persone umane. Chi legifera in materia, e’ veramente convinto che si ha a che fare con esseri umani?”.

Alla presentazione del programma c’era anche il sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello: “Siamo felici di ospitare questa manifestazione, che tiene viva la memoria di una giornalista che ha tanto amato Lampedusa. Lampedusa – ha sottolineato il primo cittadino – è e rimane una isola di accoglienza e ospitiamo, con grande entusiasmo, questo premio che ha anche una funzione importante: parlare dei temi che spesso si associano a Lampedusa, a cominciare dall’immigrazione, superando le semplificazioni che rischiano di creare confusione populismo”. “Se si dovesse trovare un aleph sulla terra, oggi quest’aleph sarebbe Lampedusa e, se riusciamo a raccontare Lampedusa, raccontiamo il mondo intero”, ha detto Roberto Alajmo, giornalista e scrittore, che sarà tra i relatori del convegno “Lampedusa, giornalismo e cultura in un’isola aperta al mondo”, programmato a Lampedusa per il 10 luglio, nel quale, oltre ai sindaci di Lampedusa e Palermo, è prevista la presenza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

Leggi anche:  I ragazzi raccontano la Santuzza, a Capaci il cuntu di Santa Rosalia

Il convegno e la cerimonia di premiazione chiuderanno, infatti, Lampedus’Amore che si aprirà con lo spettacolo teatrale Lampedusa Way, testo e regia di Lina Prosa, con Maddalena Crippa e Graziano Piazza in programma l’8 luglio alle 21.30 a piazza Castello di Lampedusa e che include anche l’incontro di calcio del 9 luglio “Un pallone per amico”, in agenda alle 18.30 allo stadio “The Bridge”, con la presenza in campo di attori, giornalisti, musicisti, migranti ospiti sull’isola e politici. In campo anche alcune giocatrici di serie A e della Nazionale di calcio femminile, accompagnate da Carolina Morace.

Sempre il 9 luglio, a piazza Castello, alle 21.30, la serata musicale “Pensieri e Canzoni”, con Davide Shorty, Fabrizio Cammarata, Dimartino, Antoine Michel & Vittorio Sbordone. Alla cerimonia di consegna del premio giornalistico, riconoscimenti speciali saranno dati alla Croce Rossa e agli atleti Manila Flamini e Giorgio Minisini, campioni del mondo sincronizzato con l’esercizio “L’urlo di Lampedusa”. Previsti anche gli interventi dell’attore Sergio Vespertino e del cantautore Mirkoeilcane.

 

https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2018/06/cristiana-matano2.png

0 thoughts on “A Lampedusa la III edizione del Premio Giornalistico Internazionale “Cristiana Matano””

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *