Catania, confiscato patrimonio di 9 milioni a due esponenti del clan Laudani

Condividi

 La Guardia di Finanza di Catania ha eseguito due decreti di confisca beni, per complessivi 9 milioni di euro, emessi dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale, su richiesta della Procura distrettuale ad altrettanti presunti appartenenti al clan Laudani. Uno, per 8 milioni di euro, riguarda Francesco Costantino, di 57 anni, ritenuto esponente del clan Laudani, e l’altro, per un milione di euro, nei confronti di Omar Scaravilli, di 37 anni.

Il Tribunale ha disposto la misura della sorveglianza speciale per tre anni e ordinata la confisca dei beni oggetto del predetto sequestro anticipato, eseguito nel 2016, che riguarda complessivamente: 25 immobili, 2 terreni, 2 attività aziendali, 2 autoveicoli, 2 motoveicoli e 9 rapporti finanziari. I due decreti sono stati eseguiti da militari del Nucleo Polizia Economica Finanziaria di Catania. Il patrimonio sarà affidato alla gestione dell’Agenzia Nazionale per i beni confiscati.

Leggi anche:  Sicilia, in arrivo 18 milioni per le Città metropolitane
https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2018/07/20163_foto-1-1024x782.jpg

0 thoughts on “Catania, confiscato patrimonio di 9 milioni a due esponenti del clan Laudani”

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *