Coronavirus, in Sicilia in calo i contagi ma morti in crescita

  • Nella settimana appena conclusa i nuovi positivi in Sicilia sono 6351, il 29,6% in meno rispetto alla settimana precedente, quando si era già registrata una diminuzione del 28,8%. I tamponi positivi sono pari al 15,7% delle persone testate, in sensibile diminuzione rispetto al 23,1% della settimana precedente.
  • il numero degli attuali positivi è pari a 42289, 5365 in meno rispetto alla settimana precedente.
  • Le persone in isolamento domiciliare sono 40760, 5236 in meno rispetto alla settimana precedente.
  • I ricoverati sono 1529, di cui 204 in terapia intensiva. Rispetto alla settimana precedente sono diminuiti di 129 unità (di cui -23 in terapia intensiva). Nella settimana appena conclusa si sono registrati 70 nuovi ingressi in terapia intensiva (in diminuzione del 42,1% rispetto ai 121 della settimana precedente).
  • il numero dei guariti (90336) è cresciuto di 11464 unità rispetto alla settimana precedente. La percentuale dei guariti sul totale positivi è pari al 66,4% (era il 60,8% domenica scorsa).
  • il numero dei deceduti, pari a 3478 è aumentato di 252 unità rispetto alla settimana precedente. Il tasso di letalità (deceduti/totale positivi) è pari al 2,6% (domenica scorsa era pari al 2,5%).
  • I ricoverati complessivamente rappresentano il 3,6% degli attuali positivi (i ricoverati in terapia intensiva lo 0,5%)”.

Al termine della settimana che va dal 25 al 31 gennaio 2021, i dati della settimana confermano i segnali di rallentamento della pandemia in Sicilia: rispetto alla settimana precedente sono diminuiti i nuovi positivi, gli attuali positivi, i ricoverati, gli ingressi in terapia intensiva e le persone in isolamento domiciliare. E’ però cresciuto il numero dei decessi.
In Italia, complessivamente, nella settimana dal 25 al 31 gennaio 2021 si sono registrati 86.219 nuovi positivi, lo 0,8% in più rispetto agli 85.536 della settimana precedente; nello stesso periodo in Sicilia si sono registrati 6351 nuovi positivi, con una diminuzione del 29,6% rispetto ai 9023 della settimana precedente.

Coronavirus: il numero di tamponi in Sicilia

A partire dal 15 gennaio 2021 i dati diffusi dalla Protezione Civile relativi al numero di tamponi effettuati comprendono anche i test antigenici rapidi. Nel corso della settimana dal 25 al 31 gennaio 2021 in Sicilia sono stati effettuati 3622,5 tamponi ogni 100 mila abitanti. Il dato medio nazionale è pari a 2876,1 tamponi ogni 100 mila abitanti. Il maggior numero di tamponi per 100 mila abitanti è stato effettuato nella P.A. di Bolzano (8777,6) e in Veneto (5112,3). Il minor numero di tamponi è stato effettuato in Calabria (968,9 ogni 100 mila abitanti) e Basilicata (972,8).

Escludendo i tamponi di controllo, in Sicilia sono stati testati 40.354 nuovi casi, il 3,1% in più rispetto alla settimana precedente. In rapporto alla popolazione residente sono stati testati 812,2 nuovi casi ogni 100 mila abitanti. Il dato medio nazionale è pari a 932,4 nuovi casi ogni 100 mila abitanti. Il maggior numero di nuovi casi testati per 100 mila abitanti è stato effettuato in Abruzzo (2163,1) e nel Lazio (1957,9). Il minor numero di nuovi casi testati è stato effettuato in P.A. di Trento (349,2 ogni 100 mila abitanti) e in Veneto (388,5)

Coronavirus, dal 25 al 31 gennaio registrati 127,8 casi ogni 100mila abitanti

Nella settimana dal 25 al 31 gennaio 2021, in Sicilia si sono registrati 127,8 nuovi positivi ogni 100 mila abitanti. Il valore medio nazionale è pari a 143,1. I valori più bassi si sono registrati in Valle d’Aosta (47,8), Basilicata (69,8) e Calabria (87,0), mentre i valori più elevati si sono registrati in P.A. di Bolzano (670,2), Friuli Venezia Giulia (263,8) e P.A. di Trento (241,4).

Con riferimento ai nuovi casi testati, in Sicilia la percentuale di nuovi positivi è pari al 15,7%. Il valore medio nazionale è pari al 15,3%. I valori più bassi si sono registrati nel Lazio (6,8%) e in Abruzzo (6,9%), mentre i valori più elevati si sono registrati in P.A. di Bolzano (72,1%) e in P.A. di Trento (69,1%).

Nella settimana dal 25 al 31 gennaio 2021, in Sicilia si sono registrati 5,1 nuovi deceduti per 100 mila abitanti. La media nazionale è risultata pari a 5,1. Le regioni con i valori più bassi sono la Calabria (1,4), la Sardegna (2,0) e la Valle d’Aosta (2,4), mentre i territori con i valori più elevati sono il Friuli Venezia Giulia (12,5), l’Emilia Romagna (8,0), la Liguria (7,6) e il Veneto (7,6).

Coronavirus Sicilia, il tasso di letalità in Sicilia è di 2,6

Il tasso di letalità (deceduti per 100 positivi) della Sicilia, calcolato con riferimento a tutti i deceduti dall’inizio dell’emergenza sanitaria, è pari a 2,6. La media nazionale è pari a 3,5; i valori più elevati si registrano in Valle d’Aosta (5,2), Lombardia (5,0) e Liguria (4,8), mentre i valori più bassi in Campania (1,7), Calabria (1,8), P.A. di Bolzano (2,2) e Umbria (2,2).

Gli attuali positivi (al netto cioè dei guariti e dei deceduti) in Sicilia sono pari a 851,2 ogni 100 mila abitanti. La media nazionale è pari a 753,5, e i territori con i valori più elevati sono la Puglia (1315,9), la Campania (1078,9) e il Lazio (1077,5), mentre i territori con i valori più bassi sono la Valle d’Aosta (185,7), la Toscana (246,5) e il Piemonte (283,6).

In Sicilia vi sono 28,8 ricoverati (non in terapia intensiva) ,ogni 100 mila abitanti. Il valore medio nazionale è pari a 33,4. I valori più elevati si registrano in Piemonte (48,9), Friuli Venezia Giulia (48,7) ed Emilia Romagna (47,3). I valori più bassi si registrano in Basilicata (11,9), Calabria (14,3) e Toscana (17,4).

In Sicilia vi sono 4,1 ricoverati in terapia intensiva ogni 100 mila abitanti. I valori più elevati si registrano in P.A. di Trento con 6,4 e in Umbria con 6,1. Il valore medio nazionale è pari a 3,7. I valori più bassi si registrano in Basilicata (0,4) e Calabria (1,0).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d bloggers like this: