Covid, prima libertà: Roma e Venezia prese d’assalto

Affollato il litorale romano oggi. Complice la giornata di sole in molti hanno scelto di trascorrere la giornata al mare dopo tanti mesi al chiuso anche causa Covid.

Covid Venezia
Foto di Ruth Archer da Pixabay

Registrato in giornata traffico sostenuto sulle strade verso il mare e a Ostia. Scattato anche questo fine settimana il piano anti-assembramenti predisposto dalla questura di Roma con controlli da parte di forze dell’ordine e polizia locale. In tanti anche nei principali parchi della Capitale e nel centro storico. Nella zona del Tridente, il salotto di Roma compreso tra via di Ripetta, via del Babuino e via del Corso, la polizia locale ha effettuato diversi interventi per sciogliere assembramenti. I vigili stanno eseguendo monitoraggi con pattuglie fisse e in movimento. Tra i luoghi più affollati anche la zona di Fontana di Trevi.

Venezia presa d’assalto, parcheggi esauriti – Come previsto, nel secondo weekend di zona gialla e bel tempo, Venezia è stata presa d’assalto fin dalla mattinata di oggi da visitatori, soprattutto dall’entroterra regionale veneto. Sono al completo tutti i parcheggi automobilistici di piazzale Roma e del Tronchetto, dove inizialmente le vetture erano state deviate. La Polizia locale ha comunicato lo stop dei veicoli, con l’indicazione a raggiungere le aree di sosta in terraferma, a Mestre e Marghera. Per le code sul Ponte della Libertà verso il centro storico, le linee del servizio di trasporto pubblico hanno accumulato ritardi in entrambe le direzioni. Non si registrano assembramenti di persone; i visitatori si concentrano sulle principali direttrici turistiche di Rialto e piazza San Marco, per ora senza affollamenti. Da ieri è in vigore l’ordinanza del Comune contro la ‘movida’, che fissa limiti di accesso in alcune zone della città, e la possibilità di chiusura o limitazione di queste aree da parte della Polizia locale.
   

>