Dare del ‘frocio’ è sempre diffamazione. Lo dice la Cassazione

Condividi

Per la “stragrande maggioranza degli italiani” riferirsi a qualcuno definendolo “frocio”, equivale a una diffamazione e non si può sostenere che la “coscienza sociale” è cambiata e accetta di buon grado questo epiteto come se non avesse alcun “carattere ingiurioso”. E’ questo il parere della Cassazione che ha confermato la condanna per diffamazione – la cui entità non è nota – nei confronti di un imputato transessuale processato dalla Corte di Appello di Milano e ritenuto ‘colpevole’ con verdetto del 9 gennaio 2020.

Cassazione

Su Facebook, l’imputato che vive ed esercita la “propria attività” nel capoluogo lombardo, aveva sostenuto che un politico locale era un omosessuale e di aver intrattenuto con lui “un rapporto sessuale”, sempre su Fb lo aveva chiamato “frocio” e “schifoso”.

Il destinatario di questi ‘contenuti’, si era risentito ed era passato a vie legali.

Senza successo, dopo le condanne di primo e secondo grado, l’imputato ha fatto ricorso in Cassazione sostenendo che le parole usate “avrebbero ormai perso, per l’evoluzione della coscienza sociale, il carattere dispregiativo”. Ma gli ‘ermellini’ – sentenza 19350 della Quinta sezione penale – non sono stati dello stesso parere.

“Le suddette espressioni – afferma la Suprema Corte di Cassazione – costituiscono invece, oltre che chiara lesione dell’identità personale, veicolo di avvilimento dell’altrui personalità e tali sono percepite dalla stragrande maggioranza della popolazione italiana, come dimostrato dalle liti furibonde innescate, in ogni dove, dall’attribuzione delle qualità sottese alle espressioni di cui si discute e dal fatto che, nella prassi, molti ricorrono, per recare offesa alla persona, proprio ai termini utilizzati dall’imputato”. Così il ricorso della difesa dell’imputato è stato dichiarato inammissibile con condanna anche a versare tremila euro alla Cassa delle ammende.