Firme false M5S, 800 persone negano di aver firmato la lista

L’inchiesta della Procura di Palermo sulle firme false presentate a sostegno della lista Cinque stelle nel 2012 a Palermo non si ferma. 

Mentre monta il caso sull’audio dei veleni, sono state 802 finora le persone ascoltate dagli investigatori della Digos nei locali della questura di Palermo: si tratta di coloro che avevano apparentemente sottoscritto la lista del Movimento alle elezioni e che, uno dopo l’altro, stanno disconoscendo le firme di appoggio.

Secondo la ricostruzione dell’accusa, per rimediare a un errore materiale nella compilazione dei candidati inseriti nella lista, su indicazione di Nuti, i Cinquestelle avrebbero ricopiato in una notte circa duemila firme. Finora i controlli erano stati fatti a campione, ma adesso, sempre in vista dell’udienza del 17 maggio, gli inquirenti hanno deciso di ascoltare a tappeto circa 1500 dei 2200 sottoscrittori.

La polizia conta di completare gli accertamenti nei primissimi giorni della settimana prossima, ma comunque, prima dell’udienza, intende arrivare a circa 1500 verifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

>