Il Parco delle Madonie entra nella rete Europarc

Condividi

 Il Parco delle Madonie entra ufficialmente nella rete Europarc, la Federazione delle Aree Protette Europee.

Il Consiglio della Federazione Europarc ha ammesso il Parco di Petralia Sottana nella famiglia delle Aree Protette Europee consegnando all’ente un altro importante riconoscimento internazionale.

Nei 27 anni di esistenza Europarc ha diffuso la “good practice” e promosso un sentire comune nella rete delle aree protette

 Parco  Madonie

.
    “Ennesimo prestigioso riconoscimento di livello internazionale per il Parco e per l’intero territorio madonita. – dice l’assessore regionale al Territorio, Toto Cordaro – A dimostrazione del lavoro fin qui fatto, della buona gestione del Parco che unita alla bellezza e alle qualità dell’area protetta costituiscono un eccellente trampolino di lancio per la promozione e la crescita, per far conoscere le nostre bellezze naturali e geologiche in Europa e non solo.

Leggi anche:  La mostra fotografica itinerante per il trentennale della Dia

Europarc è la più grande rete di aree protette europee e rappresenta le centinaia di autorità responsabili della tutela e valorizzazione dell’ambiente e le decine di Aree Protette in 37 paesi”

“L’ingresso nelle rete Europarc – afferma il presidente dell’ente Parco, Angelo Merlino – è un’ulteriore riconoscimento del lavoro di promozione che il Parco sta svolgendo. Venti anni fa, un altro ingresso in una rete europea, quella dell’European Geopark Network, ci ha portato quest’anno a a festeggiarne il ventennale. In un mondo ormai globalizzato, fare rete con realtà internazionali è diventata una necessità”