Laureati ma non architetti. Studenti truffati all’Università Palermo

Condividi

Erano convinti di poter accedere all’albo degli architetti dopo la laurea, così come era scritto nella “Guida dello studente”, ma al termine del corso scoprirono la truffa e fecero denuncia.

Alcuni studenti hanno deposto oggi davanti al Tribunale di Palermo che processa, per truffa aggravata, il professore Franco Tomaselli, ex presidente del corso di laurea che avrebbe dovuto sfornare “architetti conservatori”.

Gli universitari, assistiti dall’avvocato Michele Calantropo, hanno raccontato che scoprirono della truffa troppo tardi, quando chiesero all’Ordine degli architetti di iscriversi all’albo. Non erano infatti abilitati alla progettazione e alla direzione dei lavori.

Secondo l’accusa, la non veritiera indicazione contenuta nel regolamento didattico di ateneo, trasposta anche nella guida dello studente della facoltà di architettura, ha indotto in errore svariati studenti.