L’omaggio a Tomasi di Lampedusa alla 35° mostra filatelica siciliana

La 35° mostra filatelica siciliana dedicata ai 200 anni dal primo esperimento di navigazione effettuata nel Mediterraneo con l’omaggio, nella Giornata della Filateria, a Giuseppe Tomasi di Lampedusa per i 60 anni dalla pubblicazione del suo celebre romanzo, Il Gattopardo. 

E’ stata inaugurata questa mattina a Palermo, al Palazzo delle Poste, l’esposizione filatelica che mette in mostra, all’interno del vecchio casellario postale, alcuni bolli postali dell’Ottocento che le Poste utilizzavano per il trasporto marittimo del servizio postale e non solo. 

A tagliare il nastro il figlio adottivo dello scrittore Gioacchino Lanza Tomasi, il giornalista Felice Cavallaro, fondatore dell’Associazione Strada degli Scrittori, e Giulio Perricone, presidente dell’Unione filatelica siciliana. Le Poste italiane, d’intesa con l’Unione filatelica siciliana, ha voluto omaggiare con un bollo speciale il celebre scrittore siciliano. 

“Nonostante le difficoltà sempre maggiori – ha commentato Perricone – siamo riusciti a realizzare questa mostra, grazie anche al sostegno di otto nostri soci che hanno finanziato il progetto e alle Poste Italiane che ha abbracciato l’iniziativa mettendo a disposizione i locali”. 

“L’annullo postale del Gattopardo, a 60 anni dalla pubblicazione – commenta Felice Cavallaro – immaginato come pietra miliare scolpita lungo la Strada degli Scrittori, cristalizza la grandiosità di un romanzo capace di evocare ed analizzare i mutamenti sociali dell’Unità d’Italia scoprendo quanto fossero attuali vizi, trasformismi ed imposture mentre il principe scriveva, negli anni Cinquanta, e quanto lo siano ancora oggi. Per celebrare questo affresco letterario non c’era modo migliore di coniugare l’attenzione dell’Unione Filatelica Siciliana con il progetto della Strada degli Scrittori”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.