Neonato morto a Catania, Procura indaga i propri periti

Condividi

La Procura di Catania ha indagato per falso in perizia i tre medici legali che erano stati incaricati dallo stesso ufficio giudiziario di eseguire l’autopsia su un neonato morto, nel luglio del 2016 nell’ospedale Garibaldi-Nesima, pochi giorni dopo essere stato operato da due cardiochirurghi di un nosocomio di Roma. Lo hanno reso noto il legale della famiglia, l’avvocato Antonio Cozza, del foro di Perugia, e il padre della bambino, Giuseppe Messina, che chiedono “adesso la Procura adotti in tempi celeri gli opportuni provvedimenti”.

Tribunale di Catania

“La nostra azione – aggiungono – si fermerà soltanto quando il piccolo avrà ricevuto piena giustizia”.
    Il provvedimento della Procura fa seguito a una nuova perizia disposta dall’ufficio giudiziario che ‘sconfesserebbe’ quella precedentemente redatta e sulla base della quale era stata chiesta l’archiviazione del fascicolo. In sede di udienza camerale il Gup ha accolto l’opposizione dell’avvocato Cozza e disposto una nuova perizia medico legale. “Dal nuovo esame – afferma il penalista – emerge che la morte del piccolo è ascrivibile ad un grave errore dei sanitari che lo ebbero in cura all’ospedale di Garibaldi-Nesima. E non solo. La Procura su impulso dell’associazione Aria Nuova Onlus, ha iscritto nel registro degli indagati i consulenti che inizialmente si occuparono della vicenda”. (ANSA).
   

Leggi anche:  Bagheria, smantellato sistema di truffe a società di autonoleggio