Renzi torna in Sicilia, la maggioranza fa quadrato sul referendum

Condividi

A Mussomeli ieri la maggioranza si è riunita con Alfano, Faraone, Crocetta e altri per fare il punto sui fondi del “Patto per la Sicilia”. “Le prime gare – ha detto Crocetta – partiranno a fine anno”. “Il governo ha messo a disposizione misure concrete per le scuole, le strade, e non solo. Tocca ora alla Regione spendere bene e in fretta”.  “Sul fronte degli investimenti per le scuole – ha aggiunto – abbiamo inaugurato in Italia 13 mila cantieri, con un investimento di oltre 7 miliardi e abbiamo pure previsto una deroga al patto di stabilità per intervenire sull’edilizia scolastica. Anche qui, quindi, una grande misura, un grande intervento per il futuro”.

Faraone ha anche annunciato il ritorno di Renzi in Sicilia.  Il premier tornerà martedì e mercoledì in quella che considera una regione strategica per la battaglia referendaria. Previsti incontri con il mondo dell’imprenditoria e delle professioni. Renzi martedì pomeriggio farà tappa a Ragusa per una manifestazione a sostegno del Sì e in serata si sposterà a Siracusa. Possibile un passaggio su Catania, dove l’ultima visita del segretario Pd in occasione della Festa dell’Unità aveva causato manifestazioni e cortei di protesta. Il sopralluogo nei cantieri della Statale 640 potrebbe portarsi dietro anche una visita a Caltanissetta. La tappa palermitana è stata svelata dall’ex assessore regionale al Turismo, Cleo Li Calzi, con un post su Facebook: “Renzi sarà a Palermo mercoledì alle 12.30 al teatro Politeama in un incontro dedicati agli agricoltori e ai produttori della filiera agroalimentare”.

Leggi anche:  Alessandro Alfano, fratello di Angelino, da 4 anni dirigente in Poste senza mai firmare un atto

Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, oggi  alle ore 11, sarà in Prefettura a Palermo per la  firma – alla presenza della stampa – del «Protocollo di legalità, tra Anas e Prefetture della Sicilia, per la prevenzione di tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore dei contratti pubblici e per la prevenzione delle interferenze illecite». Successivamente, alle ore 12 sarà presentato il Protocollo finalizzato all’attuazione di azioni comuni per la tutela e l’integrazione dei minori stranieri non accompagnati.