Rifiuti, Palermo ormai è una discarica a cielo aperto

“Palermo è ormai diventata una discarica a cielo aperto. Ci sono altre ragioni ed altri interessi ben più determinanti della maleducazione di qualche cittadino. Ormai è dal 2017 che viviamo una situazione in continuo peggioramento”. Lo afferma Vincenzo Fumetta, segretario provinciale di Rifondazione Comunista.


    “Rap – aggiunge – ha avuto rinnovato il contratto di servizio per i prossimi 15 anni ed è grave che non vi sia neanche l’ombra di un rilancio industriale dell’azienda. Già 4 mesi fa doveva avviare lo spazzamento automatizzato e ad oggi non si è fatto nulla. Come se non bastasse, intere zone della città non vengono mai spazzate e dove questo servizio è offerto, ci pare, venga svolto la domenica con costi maggiori dovuti agli straordinari pagati agli operatori? Ed ancora di chi è la colpa se i 100 lavoratori Reset, fondamentali per aumentare la raccolta differenziata, non sono ancora transitati in Rap?” “Nel 2020 – continua Fumetta – gli obiettivi di raccolta differenziata prefissati nel contratto di servizio non sono stati raggiunti e su questo c’è una grave responsabilità dei vertici di Rap. Non crediamo che Palermo debba essere inevitabilmente condannata alla sporcizia ed all’incuria, si può amministrare diversamente e bene la gestione rifiuti senza evocare la necessità di costruire mostri inquinanti come i termovalorizzatori”.

Leggi anche:  Bonus edilizia, scoperte frodi per 800 milioni di euro

Rifiuti, a Palermo situazione grave

   “Occorre intanto che il sindaco provveda subito a cambiare tutto il management di Rap con una più efficiente e motivato.
    Questa è a nostro avviso una scelta non più rinviabile, una decisione che mostri la volontà di cambiare veramente pagina”, conclude. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.