Le indagini hanno evidenziato "l'esistenza di una consolidata organizzazione criminale che, sotto l'egida del clan catanese Cappello-Bonaccorsi, era dedita alla gestione di numerose agenzie di scommesse"