Secondo gli inquirenti il costruttore agiva per conto della mafia ed era vicino all'ex sindaco mafioso di Palermo Vito Ciancimino