Mafia e colletti bianchi, Roberti: il 416bis è inadeguato, serve una riforma

PALERMO – Riformare l’articolo 416 bis del codice penale introducendo una nuova fattispecie normativa che possa colpire i colletti bianchi che aiutano o fanno affari con le mafie. E fermare così l’evoluzione delle organizzazioni criminali nel nostro Paese che sparano sempre di meno e utilizzano sempre più spesso il metodo corruttivo-collusivo per imporre il loro potere. Perché le mafie stesse […]

Continue reading »

Messina Denaro, Roberti: "Presto un vertice tra chi gli dà la caccia"

Presto ci sarà un vertice che coinvolgerà forze di polizia e magistrati impegnati in più realtà territoriali nella caccia al boss Matteo Messina Denaro e definire così strategie finalizzate a stringere ancor più il cerchio intorno alla rete di complicità che ne protegge la latitanza e arrivare a lui. Lo ha detto all’Agi il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti a […]

Continue reading »

La direzione nazionale antimafia: c'è una strategia di Cosa nostra per colpire Confindustria Sicilia

Un corpo unitario, per nulla balcanizzato, pronto a reagire contro l’azione di contrasto portata avanti da alcuni e in particolare da Confindustria Caltanissetta, l’associazione di cui è leader Antonello Montante, e contro Alfonso Cicero, presidente dell’Irsap. L’analisi è dei magistrati della Direzione nazionale antimafia ed è contenuta nella relazione presentata oggi dal capo della Procura nazionale antimafia Franco Roberti e […]

Continue reading »

Il dibattito sul nuovo 416 ter: certa antimafia populista non tollera il dissenso

di Valerio Vartolo* Il nuovo 416 ter c.p., cioè la norma sul cosiddetto scambio di voto politico-mafioso, approvato al Senato costituisce un indubbio passo in avanti per il contrasto al fenomeno criminale. Infatti, la vecchia norma prevedeva la punibilità di detto scambio soltanto nel caso in cui, a fronte dei voti offerti dall’organizzazione criminale, il politico corrispondesse una somma di […]

Continue reading »

Mafie, Unimpresa: in Italia un milione di imprenditori vittime di reati

Sono oltre un milione (un quinto degli attivi) gli imprenditori vittime di un qualche reato (racket, truffe, furti, rapine, contraffazioni, abusivismo, appalti, scommesse, pirateria) che fa muovere un fatturato che si aggira intorno ai 170-180 miliardi di euro, con un utile che supera i 100 miliardi al netto degli investimenti e degli accantonamenti. La “Mafia spa”, una vera e propria […]

Continue reading »