Accordo per il sostegno di “Lati” incubatore di impresa dell’Itis Vittorio Emanuele III di Palermo

Accordo per il sostegno di “Lati”   incubatore di impresa dell’Itis Vittorio Emanuele III di Palermo
13 febbraio 2015

È stato firmato oggi il protocollo di intesa per il sostegno a “Lati”, incubatore di impresa dell’istituto tecnico a indirizzo tecnologico Vittorio Emanuele III di Palermo, uno dei primi incubatori italiani a nascere non all’interno di una università ma in seno a un istituto scolastico.

L’accordo è stato firmato tra lo stesso Itis, la Mediterraneo Advisor srl, società di advisoring leader nel centro-sud Italia, ed Equi Mediterraneo Fund, fondo di investimenti nel capitale di rischio, esclusivamente focalizzato sulle piccole e medie imprese del centro-sud Italia. Erano presenti Giovanni Marchese, preside dell’I.T.I.S. V.E. III, Matteo Fici, fondatore dell’Incubatore L.A.T.I., Antonio Censabella, delegato di Mediterraneo Advisor srl & Official Fund Manger Equi Mediterraneo Fund.

Attraverso Lati si punta a sostenere e accompagnare nuove e innovative idee imprenditoriali con la scuola a fare da incubatore di idee di business, mentre Mediterraneo Advisor ed Equi Mediterraneo Fund saranno da supporto allo sviluppo e all’accelerazione dei progetti.

L’obiettivo è quindi quello di agevolare l’incontro tra realtà imprenditoriali locali, da una parte, ed i fondi di investimento dall’altra, al fine di consentire lo sviluppo, l’innovazione, la patrimonializzazione e la professionalizzazione delle imprese locali e delle start up.

Non a caso a sposare l’idea Mediterraneo Advisor ed Equi Mediterraneo Fund  è stato uno dei più importanti istituti tecnici palermitani che ha saputo puntare sull’informatica in Sicilia già alla fine degli anni ’70.

Leggi anche:  In Sicilia In due anni scoperte frodi per 332mln. I dati della Gdf: 940 falsi poveri

«L’obiettivo – spiega Antonio Censabella – è quello di creare cultura di impresa sin dalla scuola ma anche di accompagnare i giovani allo sviluppo di idee innovative».



Commenti

La colonna infame