Bernava: «Alleanza strategica per superare la crisi»

Bernava: «Alleanza strategica per superare la crisi»
23 aprile 2013

“Crocetta proponga al presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone una convocazione straordinaria dell’Assemblea regionale siciliana sull’emergenza crisi, in sessione aperta agli stati generali dell’economia e del lavoro”. A chiederlo al governatore, il segretario della Cisl Sicilia Maurizio Bernava, dal pulpito dell’XI congresso del sindacato che nell’Isola associa 360 mila lavoratori, il 52 per cento dei quali attivi. I lavori hanno preso il via stamani a Palermo, presenti Crocetta, Ardizzone e il sindaco di Palermo Orlando, a conclusione di una stagione precongressuale cui hanno partecipato “oltre ottomila delegati in rappresentanza degli associati nell’Isola alla Cisl”, informa il sindacato. Bernava parla a Crocetta che poco prima, dal pulpito, aveva dichiarato la disponibilità al dialogo, del governo. “Non serve a nessuno un sindacato ruffiano”, aveva detto il governatore annunciando che “apriremo il confronto per una programmazione democratica dei fondi Ue che metta in cantiere provvedimenti d’emergenza e progetti esecutivi per piccole e medie opere pubbliche”. Il segretario Cisl riprende il punto: “Il principio della cooperazione è nel nostro Dna”, sostiene. Perché “la responsabilità unisce”. Il fatto è che “le prospettive dell’economia sono scoraggianti”. È per questo, sostiene, che va costruito “un grande accordo strategico” per il futuro della regione. Un accordo che veda assieme governo, Ars, enti locali e forze sociali, con tanto di “azioni amministrative e strumenti tecnici collegati” e con una “scaletta che fissi i tempi di attuazione”. Un accordo, sottolinea il segretario, sui punti che l’1 marzo 2012 portarono in piazza a Palermo, assieme per la prima volta, 25 mila persone tra lavoratori e imprenditori. Oltretutto, un tale accordo, aggiunge Bernava, darebbe credibilità alla Regione anche oltrestretto. E renderebbe più solida la legislatura assicurando interlocutori stabili alle forze sociali.



Leggi anche

Commenti

La colonna infame