Sicilia, Crocetta: su acqua e rifiuti più controlli antimafia

Sicilia, Crocetta: su acqua e rifiuti più controlli antimafia
14 giugno 2016

Di ritorno da Pantelleria, dove ha manifestato non solo solidarietà nei confronti dell’isola per i gravi fatti incendiari dei giorni scorsi, ma ha garantito un’accelerazione per l’istituzione del parco naturale e per alcuni interventi contro il dissesto che verranno annunciati nei prossimi giorni, il presidente della Sicilia Rosario Crocetta ha emesso una nuova ordinanza che riguarda le autorizzazioni antimafia nel settore acqua e rifiuti, firmata insieme al Segretario generale, Patrizia Monterosso.

Il presidente della Regione specifica che “nessuna richiesta in questi settori, potrà essere esaminata dagli uffici e dal funzionario senza che il richiedente abbia inoltrato alla prefettura di riferimento la richiesta di informativa antimafia. Tale richiesta prescinderá dal limite minimo di 150 mila euro e riguarderà anche le cifre cosiddette sotto soglia. Tutte le richieste di autorizzazione nei settori interessati, saranno sottoposte ad informativa antimafia; la conferenza di servizi e la successiva autorizzazione verrà rilasciata solo se si sarà in possesso della certificazione. Non si applicherà più il silenzio assenso che scatta dopo i 45 senza risposta. “I settori in cui interveniamo, sono soggetti a forti infiltrazioni mafiose e occorre bloccare questo business. L’obiettivo è quello di consentire che le imprese pulite lavorino, escludendo quelle che non lo sono, in modo tale che il libero mercato non sia influenzato”.

Leggi anche:  Sicilia, Avanzi Holding acquista Randazzo. I particolari


Commenti

Ha compiuto 35 anni la legge n. 646, del 416 bis, più nota come legge “Rognoni-La Torre”, sul reato di […]


La colonna infame