Coronavirus, in Sicilia positivi in calo nell’ultima settimana

 “I dati della settimana appena conclusa relativi all’andamento della pandemia da coronavirus, in Sicilia, diffusi dalla protezione civile mostrano un nuovo deciso miglioramento: è diminuito il numero dei nuovi positivi, ed è diminuito anche il numero degli attuali positivi, dei ricoverati e dei ricoverati in terapia intensiva, il numero dei nuovi ingressi in terapia intensiva e il numero dei deceduti”. Lo afferma il responsabile dell’ufficio Statistica del comune di Palermo, Girolamo D’Anneo I nuovi positivi in Sicilia sono stati 2837, il 32,9% in meno rispetto alla settimana precedente, quando già si era registrata una diminuzione del 24,1%.

E’ l’incremento settimanale più basso dallo scorso mese di ottobre.

Leggi anche:  Bonus edilizia, scoperte frodi per 800 milioni di euro


    Il numero degli attuali positivi al coronavirus è pari a 12928, ovvero 4231 in meno rispetto alla settimana precedente. Le persone in isolamento domiciliare sono 12208, quindi 4021 in meno rispetto alla settimana precedente. I ricoverati per coronavirus sono 720, di cui 102 in terapia intensiva. Rispetto alla settimana precedente sono diminuiti di 210 unità (i ricoverati in terapia intensiva sono invece diminuiti di 16 unità). Nella settimana appena conclusa si sono registrati 27 nuovi ingressi in terapia intensiva (-3,6% rispetto ai 28 della settimana precedente).Il numero dei guariti (204225) è cresciuto di 6992 unità rispetto alla settimana precedente. La percentuale dei guariti sul totale positivi è pari al 91,6% (era l’89,6% domenica scorsa).

Leggi anche:  Europarlamento, Corte Ue sospende obbligo di green pass per 5 deputati


    Le persone decedute registrate nella settimana passata sono 76 (la settimana scorsa 103). Anche per i deceduti è l’incremento settimanale più basso dallo scorso mese di ottobre.
    Complessivamente le persone decedute sono 5739, e il tasso di letalità (deceduti/totale positivi) è pari al 2,6% (come domenica scorsa).
    Infine i ricoverati complessivamente rappresentano il 5,6% degli attuali positivi (i ricoverati in terapia intensiva lo 0,8%).

>