Zona industriale di Dittaino, finanziati interventi per 17 mila euro

Zona industriale di Dittaino, finanziati interventi per 17 mila euro
3 dicembre 2018

Finanziati interventi di manutenzione alle caditoie, agli impianti elettrici e all’illuminazione pubblica, pulizia straordinaria delle strade e sistemazione della segnaletica per circa 17 mila euro nella zona industriale di Dittaino a Enna.

In particolare gli interventi – finanziati con contributi ex art. 4 comma 1, L.R. n. 8/2012 destinati all’ufficio periferico di Enna – riguardano la manutenzione straordinaria nel Centro Direzionale IRSAP di Enna, la viabilità, le infrastrutture e interventi di pronto intervento per gli impianti di illuminazione esterna dell’agglomerato industriale di Dittaino.

“L’area tecnica dell’Ufficio periferico di Enna ha fatto un monitoraggio dell’area e ha così individuato le principali carenze infrastrutturali della zona industriale di Dittaino e con esse i lavori urgenti da avviare per porvi rimedio e rendere più efficienti i servizi di illuminazione esterna, il funzionamento degli impianti elettrici, la viabilità e lo stato delle infrastrutture”. Così il commissario ad acta IRSAP, Giovanni Perino. 

Gli interventi previsti sono: lavori di ripristino caditoie stradali, pulitura di tratti stradali e sistemazione segnaletica e manutenzione di impianti elettrici e di illuminazione pubblica. Il Responsabile Amministrativo del Procedimento geom. Salvatore Calabrese ha avviato le procedure di affidamento diretto dei lavori, previa consultazione di almeno tre operatori economici, trattandosi di importi inferiori a 40 mila euro dopo l’assunzione dell’impegno di spesa.

Leggi anche:  Unioncamere Sicilia a sostegno di Palermo "capitale della cultura"


Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  Enna, verso la riapertura dell'impianto rifiuti di Cozzo Vuturo




Leggi anche:  Impianto rifiuti pericolosi a Scicli: Assenza chiede la sospensione dell'autorizzazione

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Impianto rifiuti pericolosi a Scicli: Assenza chiede la sospensione dell'autorizzazione

Succede




Leggi anche:  Cambiare la città dal basso: fino a domani Fare strada Palermo